I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

L’esperto. Gli esami da fare in gravidanza

Il prof. Claudio Giorlandino, Segretario Nazionale della Società Italiana di Diagnosi Prenatale e Medicina Materno-Fetale (S.I.Di.P) ci parla degli esami da svolgere durate il periodo di gestazione

No pagePagina successiva
L’esperto. Gli esami da fare in gravidanza

Affrontare una gravidanza con serenità  prevede innanzitutto che, prima di pensare a concepire si sia accertata l’esistenza di problemi di salute che possono influenzare negativamente lo svolgersi della gestazione. È infatti noto che prevenire è meglio che curare e, conoscere in anticipo le proprie condizioni legate alla propria capacità gestazionale, è cosa di vitale importanza.
È utile pertanto che si esegua un controllo pre-concezionale, nel quale, oltre alla valutazione del gruppo e fattore RH, alla ricerca di infezioni latenti o pregresse, quali l’epatite, la toxoplasmosi, rosolia, il citomegalovirus, ed eventualmente l’HIV, si valuti anche il rischio specifico, ad esempio la presenza in famiglia di malattie genetiche ereditarie. Tra queste, nella nostra popolazione, è molto frequente l’anemia mediterranea o la fibrosi cistica. Utile anche conoscere se si è predisposti alle malattie dismetaboliche, quali il diabete, ovvero se vi è in famiglia ipertensione, oppure se si è portatori di malattie metaboliche quali la fenilchetonuria. Tutto questo per orientare bene la dieta durante la gestazione.
È inoltre importante conoscere dal punto di vista strettamente ginecologico le proprie condizioni, con un pap test ed una ricerca di infezioni cervicali (micoplasma o streptococco). L’ecografia poi completa tale indagine per evidenziare eventuali patologie dell’utero.
Se si rimane in stato interessante senza avere nessuna idea del proprio stato di salute, è sempre bene rivolgersi al proprio ginecologo il prima possibile, in modo che costui escluda le condizioni di possibile rischio individuale o famigliare e, allorché presenti, possa agire tempestivamente. 
In una gravidanza fisiologica si prescrivono in genere una serie di esami da eseguire mensilmente (vedi tabella in fondo all’articolo) non tutti questi esami sono previsti dal SSN ed esenti dal ticket. Per quanto attiene alla diagnosi prenatale (amniocentesi o villocentesi) questa oggi non è più legata come in passato all’età, quando la si eseguiva soltanto per ricercare la Sindrome di Down. Oggi, infatti, le potenzialità diagnostiche possibili con le moderne tecnologie sul DNA sono enormi e le malattie evidenziabili con un amniocentesi sono centinaia. Anche i test di screening (come lo studio della translucenza nucale o lo Sca test), per quanto attenti e precisi, sono sempre indirizzati a riconoscere i soggetti a rischio per la sola Trisomia 21 e quindi estremamente limitati nei confronti delle moderne diagnosi prenatali.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Gravidanza serena over 35

Con l’età aumenta anche il rischio di complicazioni per le gestanti,..

Video - Gravidanza: quali gli esami da fare prima e durante

Rosanna intervista il Professor Claudio Giorlandino

Seno in gravidanza, come prevenire la perdita di tono

È una parte del corpo che è messa a dura prova e merita quindi cure..

Gestosi: attenzione all’ipertensione in gravidanza

È un disturbo che può colpire soprattutto le mamme primipare

Gli esercizi yoga perfetti in gravidanza

Ti spieghiamo come eseguire due posizioni molto semplici che possono..