I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Problemi nello sviluppo del linguaggio: la mamma è la prima ad accorgersene

Cogliere tempestivamente eventuali difficoltà di comunicazione facilita il recupero in tempi brevi

No pagePagina successiva
Problemi nello sviluppo del linguaggio: la mamma è la prima ad accorgersene

Niente ansie, se il bambino ha problemi di linguaggio: le soluzioni ci sono. “Si possono risolvere bene”, spiega Tiziana Rossetto, presidente della F.l.i., Federazione logopedisti italiani, “a patto di coglierne tempestivamente i segnali in modo da intervenire presto, prima dell’inizio della scuola”. I bimbi che non parlano bene infatti hanno bisogno di più tempo per imparare a leggere e a scrivere rispetto ai compagni di classe che non hanno lo stesso disturbo. “Per arrivare a una diagnosi in tempi rapidi è indispensabile la prevenzione e in questo è fondamentale il ruolo della mamma, principale figura nella sua evoluzione”, aggiunge la dottoressa Rossetto. “Lei per prima infatti può capire se il suo bimbo comunica e si esprime in modo corretto rispetto alla sua età. E questo già a un anno.”

 

Campanelli d’allarme

Se il tuo piccolo ha un anno, fai attenzione a come comunica e se dimostra attenzione e interesse per l’ambiente, i suoni e le persone. È importante infatti che chieda, anche a modo suo, di essere coinvolto nelle conversazioni. A questa età, le parole che dice sono poche, come “mamma” e “papà”, ma cerca di chiacchierare con le poche sillabe che sa articolare, le modula con toni alti e bassi, a volte quasi borbottando tra sé e sé e accompagna il suo chiacchierio con sguardi, smorfie, sorrisi e gesti.

A due anni invece il bimbo pronuncia frasi comprensibili a tutti, anche se brevi e incomplete, e non solo a genitori e nonni che sono sempre i migliori “traduttori”. Per fare una prova, mentre gioca domandagli che cosa sta facendo. La sua risposta può essere ad esempio “gioco palla”. Non va bene se invece dice “pa-a”, per spiegare che sta giocando con la palla.

A tre anni infine, devi sentire uno specialista se il suo vocabolario è di poche parole a volte incomprensibili e si esprime con frasi più simili a quelle che si direbbero a due anni, incomplete delle principali parti grammaticali come articoli o preposizioni. Dovrebbe invece saper dire frasi più complesse come: “posso andare a giocare a casa di Marco?”

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Imparare a parlare: un'avventura meravigliosa!
Imparare a parlare: un'avventura meravigliosa!

Accompagna il tuo bambino nella lunga e difficile conquista del linguaggio

Ha senso sgridare un bambino piccolo?
Ha senso sgridare un bambino piccolo?

A volte non si riesce proprio a trattenersi, ma per i più piccini..

Prima colazione: un appuntamento immancabile
Prima colazione: un appuntamento immancabile

Il primo pasto influenza le prestazioni fisiche e cognitive, soprattutto..

Bambini “spaccatimpani”: come educarli al silenzio?
Bambini “spaccatimpani”: come educarli al silenzio?

Strillano tanto da procurarsi alterazioni all’udito, ma a volte è..

Sand play therapy: giocare con la sabbia per svelare l'inconscio
Sand play therapy: giocare con la sabbia per svelare l'inconscio

Nella sabbiera affiorano disagi, conflitti e disturbi, proiettati..