I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Mamme e bambini: come affrontare insieme l’ingresso nella scuola materna

Le strategie da adottare e gli errori da evitare per vivere serenamente i primi giorni di scuola con i consigli dell’esperta

No pagePagina successiva
Mamme e bambini: come affrontare insieme l’ingresso nella scuola materna

Con la consulenza della dottoressa Laura Muscarella, psicologa  

 

Primi giorni di scuola materna. In casa regna il caos. Il bambino piange, urla e si rifiuta di andare all’asilo. Mamma e papà non sanno come comportarsi dinnanzi ai capricci, hanno tanti dubbi e tante incertezze. Primi tra tutti: “Si ambienterà?”, “Sentirà la nostra mancanza?”. Domande comuni a molti genitori che si trovano per la prima volta ad affrontare un momento molto delicato nel percorso di crescita del bambino: l’inserimento nella scuola materna.

“Il piccolo – ci spiega la dottoressa Laura Muscarella, psicologa - con l’ingresso nella scuola dell’infanzia impara a relazionarsi con altri suoi coetanei soprattutto se è figlio unico. Il rapporto con l’altro da sé aiuta il bambino a crescere tramite il confronto e l’apprendimento delle regole dello stare insieme nel rispetto reciproco. Se il piccolo è aiutato da un clima favorevole, si inserirà con successo nella classe, mentre se il bagaglio che si porta dietro è di frustrazioni, aggressività e tensioni, potrebbe portare questo suo vissuto all’interno del sistema classe e incontrare così ulteriori difficoltà, rafforzando una negativa percezione di sé”. Si tratta di una tappa importante anche nella relazione figlio-genitore. “Il bambino - ci spiega l’esperta - impara a distaccarsi da mamma e papà, dunque passa da un ambiente protetto quale quello domestico a un altro pieno di stimoli e relazioni nuove, con tutte le incognite del caso. Il piccolo acquista anche fiducia nel genitore, poiché questi, alla fine dell’orario scolastico andrà a riprenderlo e ad accudirlo di nuovo. Inoltre, apprende maggior fiducia in sé stesso, accrescendo la percezione di sé e di conseguenza l’autostima”.

 

Le mosse giuste

“I genitori - afferma l’esperta - dovranno cominciare a parlare al bambino della nuova realtà che affronterà. È bene parlarne un po’ per volta anche in presenza di parenti e amici, mettendo in luce il lato positivo del conoscere nuovi amichetti e fare nuove esperienze. Inoltre, è bene anche solo passare davanti alla scuola che il bimbo frequenterà, o meglio ancora entrare con lui almeno una volta, qualche tempo prima dell’iscrizione, giusto per farlo familiarizzare con il nuovo ambiente e ritornare alcuni giorni prima dalle vacanze per evitare lo “sbalzo” da un ambiente ad un altro completamente nuovo”. 


Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
I capricci che aiutano a crescere
I capricci che aiutano a crescere

Il pianto di frustrazione è spesso legato alla conquista dell’autonomia

Litigi di coppia: com’è stato il tuo rapporto con i genitori?
Litigi di coppia: com’è stato il tuo rapporto con i genitori?

Una ricerca dell'Università del Minnesota rivela che le difficoltà di..

Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?
Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?

Le buone maniere vanno insegnate subito, a partire dai tre anni. Quali..

Come appassionare i bambini alla lettura
Come appassionare i bambini alla lettura

Fin dai primi mesi puoi stimolarne creatività e immaginazione leggendo..

I figli fanno la felicità, ma solo quando i genitori superano i 30 anni
I figli fanno la felicità, ma solo quando i genitori superano i 30 anni

Finché sono piccoli, prevalgono le preoccupazioni. Mamma e papà stanno..

Eterna ragazzina o adulta responsabile?
Test - Eterna ragazzina o adulta responsabile?

Sei affetta dalla sindrome di Peter Pan e ti rifiuti di crescere? Oppure..