I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Consigli utili per far dormire bene il tuo neonato

Con un bebè ai primi mesi di vita, i dubbi su come farlo addormentare senza viziarlo sono molti. L’importante è ascoltare il bambino, affidandosi all’istinto materno

No pagePagina successiva
Consigli utili per far dormire bene il tuo neonato

 2004, nel suo libro “Il linguaggio segreto dei neonati” ci offre preziosi consigli. La Hogg sostiene che i bebè hanno bisogno di imparare da soli ad addormentarsi e a sentirsi tranquilli, anche se il conforto dei genitori è sempre importante per uscire dalla difficoltà nel prendere sonno. Il bambino impara sempre dai comportamenti dei genitori: se il piccolo viene abituato a dormire in braccio, percepirà questa azione come “è così che ci si addormenta”.

 

Un metodo semplice ed efficace

Tracy Hogg ha ideato il metodo E.A.S.Y., acronimo di Eat, Activity, Sleep, You, basato sulla creazione di una routine fatta di fasi, che permette ai bambini di sentirsi confortati e rassicurati da situazioni prevedibili; un metodo basato sul rispetto del neonato, che ha come unico impedimento quello di non saper comunicare a parole i suoi bisogni. Ogni gesto e segnale dunque va osservato e interpretato. Il metodo E.A.S.Y. permette al piccolo di sperimentare un senso di sicurezza derivante dalla ripetizione dei gesti e di lasciarsi andare alla fase successiva con più fiducia, sapendo già cosa accadrà. Ad esempio, se ogni sera si decide di fare il bagnetto al bimbo prima della nanna, la ripetizione di questa attività, sera dopo sera, metterà a proprio agio il neonato che, verosimilmente, si abbandonerà al sonno più tranquillamente. L’importante è non sottovalutarne mai il pianto, unico modo di comunicare un disagio o un bisogno nelle sue prime settimane di vita.

La necessità di autonomia del piccolo però, non deve essere tradotta in abbandono e dunque è controproducente lasciarlo piangere. Se ci si rende conto che l’unico modo per calmarlo è prenderlo in braccio, non dobbiamo pensare che farlo equivale a viziarlo. Meglio cullarlo tra le braccia e per un po' e poi rimetterlo nella culla e rimanergli accanto, facendo sentire la propria presenza.

PARLIAMO DI: neonati, dormire, genitori

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
I figli fanno la felicità, ma solo quando i genitori superano i 30 anni
I figli fanno la felicità, ma solo quando i genitori superano i 30 anni

Finché sono piccoli, prevalgono le preoccupazioni. Mamma e papà stanno..

Litigi di coppia: com’è stato il tuo rapporto con i genitori?
Litigi di coppia: com’è stato il tuo rapporto con i genitori?

Una ricerca dell'Università del Minnesota rivela che le difficoltà di..

Dormire male non fa bene al cuore
Dormire male non fa bene al cuore

Tra i disturbi causati dall’insonnia c'è anche un aumentato rischio di..

Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?
Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?

Le buone maniere vanno insegnate subito, a partire dai tre anni. Quali..

Piange: come puoi consolare il tuo bimbo?
Piange: come puoi consolare il tuo bimbo?

Per calmarlo, canta dolcemente solo per lui, stringilo a te e cullalo..