I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Come gestire con i figli l'arrivo di un nuovo partner

Gli errori da evitare per non alimentare tensioni e gelosie quando si è decisi a cambiar vita

No pagePagina successiva
Come gestire con i figli l'arrivo di un nuovo partner

Con la consulenza della prof.ssa MARIA RITA PARSI, psicologa, psicoterapeuta, saggista, docente di Psicologia e fondatrice di Movimento Bambino.

 


“Quando una coppia si separa, la cosa più importante è garantire ai propri figli la presenza, nonostante la separazione. Solo l’amore costante può aiutarli a superare questo evento, comunque per loro molto doloroso”, chiarisce subito la prof.ssa Maria Rita Parsi che, per quanti pensano di rifarsi una vita, ricorda il rispetto di alcune regole fondamentali.

Occorre elaborare il lutto della separazione. La pazienza è d’obbligo. È molto importante, quindi, che la coppia superi la sensazione di colpa ed elabori il fallimento di non aver potuto portare avanti e per sempre il rapporto da cui sono nati i figli. E, soprattutto, è fondamentale che la coppia allarghi la riflessione e permetta l’elaborazione del distacco, in un contesto terapeutico, a tutti i componenti della famiglia.

Anche i figli, quindi, devono avere il tempo necessario per maturare il lutto per la separazione dei genitori, il senso di abbandono e di solitudine tipici di questi eventi. Il dolore e l’elaborazione sono indispensabili. In questi delicati momenti è importante consultare o affidarsi a persone esperte, come psicologi, psicoterapeuti, neuropsichiatri infantili, assistenti sociali ecc., figure competenti che guideranno e aiuteranno i nostri figli a non subire ulteriori traumi.

 

Non mentire mai ai propri figli

Entrambi i genitori devono parlare apertamente e serenamente, spiegare i motivi della rottura della famiglia, senza finzioni o bugie ed evitando, di contro, rivendicazioni gratuite nei confronti dell’altro genitore. Quando esiste un conflitto ancora acceso e aperto con la famiglia che si è disgregata, evitare che tale conflitto si allarghi e ricada sui figli. È dannoso coinvolgerli troppo emotivamente e violentemente sulla rottura della famiglia.
Qualora si decidesse di formare un nuovo nucleo familiare, ricordarsi che i percorsi devono essere graduali per non creare ulteriori disagi alle persone che ci stanno accanto. La fretta, in queste situazioni, genera ulteriori sofferenze e difficoltà.
Quando, invece, è solo uno dei coniugi a volere la separazione, perché ha conosciuto e iniziato una nuova storia, è importante dare non solo ai figli, ma anche all’altro coniuge, il tempo necessario per abituarsi alla nuova situazione. E, comunque, non portare subito a casa i rispettivi nuovi partner.
Se si crea un altro nucleo familiare, bisogna sapere che la “gestione” di una famiglia allargata è molto più delicata e complessa, soprattutto per i figli che si trovano ad avere e a vivere in due abitazioni diverse, con due stili di vita diversi, con nuove figure adulte di riferimento e, qualche volta, nuovi fratelli o sorelle.

 

Evitare il fai da te.

La separazione è un momento delicato e difficile. Chiedere aiuto, sostengo, informazioni e formazione per rendere meno traumatico questo “passaggio”.

 

Ti presento un “amico”

I nuovi partner: meglio presentarli come amici o, invece, dire subito la verità? È bene essere sempre sinceri con i propri figli. La verità va detta, sempre e comunque e, se non si riesce a parlarne da soli, si può ricorrere all’aiuto di persone competenti (psicoterapeuti, assistenti sociali, ecc…). Una volta che i figli hanno elaborato il lutto della separazione, si sono tranquillizzati sul fatto che non perdono l’affetto dei rispettivi genitori, presentare il nuovo compagno della mamma o la nuova compagna del papà può essere un fatto naturale. Qual è il modo migliore? Per creare meno imbarazzo, la prima volta la conoscenza può essere fatta in un contesto più ampio, un pranzo o una cena insieme ad altre persone dicendo ai propri figli frasi tipo: “sai, quella persona mi è molto simpatica” oppure “è una persona alla quale mamma o papà tiene molto...”. Ma, è importante, tutto questo deve avvenire gradatamente, per non generare disagi nei propri figli.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Litigi di coppia: com’è stato il tuo rapporto con i genitori?
Litigi di coppia: com’è stato il tuo rapporto con i genitori?

Una ricerca dell'Università del Minnesota rivela che le difficoltà di..

I figli fanno la felicità, ma solo quando i genitori superano i 30 anni
I figli fanno la felicità, ma solo quando i genitori superano i 30 anni

Finché sono piccoli, prevalgono le preoccupazioni. Mamma e papà stanno..

Strategie per tenerselo stretto
Strategie per tenerselo stretto

Come legare a te l’uomo che ami e… non farlo scappare a gambe levate!

Metti la suocera tra moglie e marito… e la coppia scoppia
Metti la suocera tra moglie e marito… e la coppia scoppia

Il rapporto tra nuora e suocera può essere di “pacifica..

Mamma e papà non stanno più insieme
Mamma e papà non stanno più insieme

Come dire ai figli che i genitori hanno deciso di separarsi

Sei una mamma-dipendente?
Test - Sei una mamma-dipendente?

Il legame con tua madre condiziona ancora la tua esistenza e le tue..

Flirt da ombrellone. Quanto durerà?
Test - Flirt da ombrellone. Quanto durerà?

Le vacanze estive si sa, portano batticuori e serate romantiche… Tu..

In vacanza riesci a staccare dal lavoro?
Test - In vacanza riesci a staccare dal lavoro?

Scopri con il nostro divertente test, se riesci a fare spazio dentro di..

Lavoro e famiglia. Riesci a conciliarli?
Test - Lavoro e famiglia. Riesci a conciliarli?

Scopri se sei capace di armonizzare la vita lavorativa con gli aspetti..