I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Bambini: educhiamoli a leggere

Come stuzzicare la curiosità dei nostri figli verso i libri e trasformare la lettura in un’esperienza coinvolgente e adatta alla loro età

No pagePagina successiva
Bambini: educhiamoli a leggere

Con la consulenza della dott.ssa Anna La Guzza, psicologa clinico-dinamica esperta in Disturbi dell’apprendimento

 

I libri non sempre sono amati dai nostri bambini. Spesso accade che la lettura si trasformi per loro in un’attività poco divertente, eppure si tratta di un’esperienza fondamentale per lo sviluppo delle loro capacità intellettive. Ecco perché il ruolo dei genitori nel coinvolgerli in questa esperienza è essenziale a tutte le età.

 “La lettura - ci spiega la dottoressa Anna La Guzza, psicologa clinico-dinamica esperta in Disturbi dell’apprendimento -  è una attività preziosa per uno sviluppo armonico dei più piccoli. Dal punto di vista emotivo leggere o ascoltare una storia gli consente di esplorare le emozioni più intime. La condivisione di un libro, con un adulto che legge con chiarezza ed espressione, si sofferma, accoglie le loro curiosità, pone domande, indica le illustrazioni, fornisce spiegazione, crea una forte sintonia affettiva. Sul versante cognitivo, oltre ad ampliare il repertorio comunicativo ed espressivo, la lettura offre una panoramica sul loro mondo interiore ed esteriore, favorisce la comprensione degli eventi, sviluppa l’immaginazione e potenzia le capacità logiche e astratte, le abilità relative all’attenzione e alla memoria”. Ma in che modo rendere la lettura di un libro un’attività coinvolgente e piacevole? E quali sono gli errori più comuni da evitare?  Scopriamolo con l’aiuto dell’esperta.

 

Età diverse, letture diverse

  • Prima della nascita: “Non è  mai troppo presto - ci spiega la dottoressa La Guzza -  per educare i bambini alla lettura: è dimostrato che leggere a voce alta al proprio bambino quando è ancora nell’utero abitua il suo cervello a rispondere agli stimoli sonori e potenzia le sue capacità cognitive”.
  • Nei primi mesi: “Sebbene il bambino non possa effettivamente comprendere il significato di quello che viene letto, egli riesce a cogliere il ritmo, il tono delle frasi e avverte le reazioni emotive di chi legge; per questo motivo è importante  la lettura di racconti rilassanti e stimolanti, che evocano emozioni positive. Questo esercizio favorisce inoltre la maturazione dell’apparato fono-articolatorio, educa l’orecchio al riconoscimento e alla discriminazione uditiva dei suoni e delle parole, pre requisito fondamentale nell’apprendimento del linguaggio e della lettura. Nei mesi successivi la proposta del libro seguirà le tappe di acquisizione della motricità e dell’attenzione: libri piccoli, morbidi, vivacemente colorati, da portare alla bocca, con figure grandi e semplici e poche pagine, da lanciare, masticare, “sfogliare” con facilità.  Filastrocche, storielle dal ritmo ben scandito, accompagnate da suoni onomatopeici e gesti semplici.
  • Da 1 a 3 anni: “Possiamo proporre i primi libri in cartone, piccoli e leggeri, con figure semplici e piccole storie che richiamano la vita quotidiana del bambino. Il bambino si divertirà ad ascoltare la spiegazione del genitore che lo tiene sulle ginocchia e osserverà con grande interesse le figure più bizzarre e colorate. In questo stesso periodo (tra gli 8 e i 16 mesi) emergono i gesti di indicazione. Il genitore fungerà da modello, indicando le figure e le azioni nel momento stesso in cui le pronuncerà. Successivamente potrà chiedere al bambino di riconoscerle indicandole. In questo modo il vocabolario del bambino si amplierà in tempo breve e i suoi tempi di attenzione si prolungheranno”.
  • Da 3 a 6 anni:  “Questa è l’età per proporre la lettura da ascolto di racconti brevi su argomenti significativi come l’ingresso a scuola o le emozioni. Questo è anche il periodo in cui vostro figlio vi farà un sacco di domande e probabilmente vi chiederà di rileggere la stessa storia più e più volte. Assecondatelo perché in questo modo il suo sistema cognitivo integrerà le informazioni e le emozioni legate ad un particolare significato emotivo del racconto che in qualche modo ha a che fare con lui”.
  • Dai 6 anni in su: “In età scolare, durante il primo biennio, il bambino comincia ad automatizzare la lettura autonoma, ma la lettura con l’adulto conserva il suo grande valore educativo. In questa fase il bambino è incuriosito dai libri che parlano di animali, pianeti, dinosauri, avventure fantastiche, storie romantiche”.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Come appassionare i bambini alla lettura
Come appassionare i bambini alla lettura

Fin dai primi mesi puoi stimolarne creatività e immaginazione leggendo..

Vignette e libri divertenti: le donne scoprono l’ironia per combattere il cancro
Vignette e libri divertenti: le donne scoprono l’ironia per combattere il cancro

Intervista a Marisa Acocella Marchetto, l’illustratrice italoamericana..

Ascoltare le fiabe per diventare grandi
Ascoltare le fiabe per diventare grandi

Scacciano le paure, stimolano la fantasia, arricchiscono la personalità..

Dieta: venti errori da non fare
Dieta: venti errori da non fare

Il vademecum per una dieta dal risultato garantito, niente eccessi e..

Sei sottopeso o sovrappeso?
Strumenti - Sei sottopeso o sovrappeso?

Attraverso l’indice di massa corporeo, il BMI (Body Mass Index) puoi..

Scopri come raggiungere il tuo peso forma
Strumenti - Scopri come raggiungere il tuo peso forma

Vuoi sapere il tuo peso forma e quanti chili devi perdere per ottenerlo?..

Sei un soggetto attivo o passivo?
Test - Sei un soggetto attivo o passivo?

Seguire una dieta è più facile se sai riconoscere i comportamenti che..

Sei una mamma-dipendente?
Test - Sei una mamma-dipendente?

Il legame con tua madre condiziona ancora la tua esistenza e le tue..