I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Bambini: 5 strategie per riportarli alle sane abitudini

La scuola è iniziata da poco, ma i più piccoli fanno maggiormente fatica a riprendere i ritmi quotidiani. Il motivo? Sono più abitudinari rispetto agli adulti. Come aiutarli a riprendere uno stile di vita salutare.

Bambini: 5 strategie per riportarli alle sane abitudini

Con la consulenza del dottore Luigi Greco, vicepresidente della SIP (Società Italiana di Pediatria).

 

Sono i bambini a risentire più di tutti del rientro dalle vacanze: le difficoltà nel riabituarsi a uno stile di vita diverso dal clima vacanziero generano stress e fatica.

Settembre, infatti, è scandito da orari e impegni numerosi e diversi: dal ritorno sui banchi di scuola, alla ripresa delle attività sportive e ludiche. Ma ciò che cambia è il ritmo. Il disagio dei bambini sarà tanto più evidente quanto maggiori saranno state le modifiche apportate rispetto al consueto stile di vita.

Si tratta, in realtà, di un normale stato fisiologico del bambino sensibile ad alcune variazioni come quella del ritmo sonno-veglia. L’esperto, il dottore Luigi Greco, pediatria, ci spiega come aiutare il bimbo a riprendere un corretto rapporto con la routine quotidiana, e a fare di alcuni gesti i nostri alleati preziosi.

 

Il perché del disagio da rientro

L’organismo di ciascuno di noi si adatta in maniera molto raffinata al proprio stile di vita. Questi adattamenti, i cui meccanismi raggiungono il completo sviluppo solo nell’età adulta, sono tanto più efficaci quanto più regolari sono le abitudini.

Notoriamente abitudinari, condizione tipica dell’età infantile, i bambini faticano di più, rispetto al soggetto maturo, ad adattarsi sia ai ritmi imposti dalle vacanze sia a quelli soggetti alla quotidianità invernale una volta rientrati a casa. Indipendentemente che si tratti di bimbi vivaci o pigri.

 

In vacanza non strapazzateli troppo

 “Durante l’estate si tende a trasgredire, e sarebbe impossibile anche solo pensare il contrario, ma per i bimbi la regolarità e la tempistica sono fondamentali. Così come lo è, per aiutarli nel rientro settembrino, prevedere un periodo di adattamento (almeno una settimana) prima di riprendere le normali attività”. Quindi, ricominciate da subito a suddividere la giornata tra pasti, riposo, giochi e attività scolastiche prima di tornare al nido, alla scuola e ai vari impegni quotidiani: è molto utile, infatti, riadattarsi per tempo alle sane abitudini. “Tutto quello che concerne la loro alimentazione, il ritmo sonno-veglia (compreso il riposino pomeridiano) e anche il tempo dedicato ai giochi non deve subire grosse modificazioni”.

 

Come riprendere una sana normalità:

1) Nei limiti dell’attività lavorativa, il consiglio dell’esperto è di non rendere troppo netto il passaggio dalla vacanza alla vita quotidiana. Durante l’estate, i bambini si abituano alla presenza costante dei genitori. Cercate, quindi, al rientro, di dedicare ai bimbi le giuste attenzioni e il tempo necessario: questo li renderà meno nervosi.

2) Il riposo è fondamentale: tornate gradualmente ai ritmi sonno-veglia compatibili con l’attività scolastica; non mandateli a letto troppo tardi e arrivate, nel giro di pochi giorni, al normale orario di addormentamento.

3) Nel caso in cui durante le vacanze si sia verificata una variazione del regime alimentare, bisogna tornare ai classici cinque pasti al giorno. La colazione, che deve garantire il 15 per cento del fabbisogno calorico giornaliero, è da preparare al mattino presto per abituarli alla scuola. A seguire, lo spuntino di metà mattina per un apporto calorico del 5 per cento; il pranzo, abbastanza nutriente, con il 40 per cento delle calorie necessarie; la merenda del pomeriggio il 15 per cento; infine la cena con il 30 per cento delle calorie rispetto al fabbisogno giornaliero.

4) Ricordate al bambino di bere acqua. Durante l’inverno, quando il clima ne fa sentire meno il bisogno, è facile che possa dimenticarlo, mentre la quantità d’acqua assunta deve essere adeguata.

5) Altra cosa da tener presente è che i bambini, nel periodo estivo, dedicano più tempo al gioco e al movimento. È bene non sospendere tale attività per non incorrere in casi di sovrappeso.

di Aurora Sansotari

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Vacanze: scegli la meta più adatta per rigenerarti
Vacanze: scegli la meta più adatta per rigenerarti

Qualunque sia la località che hai scelto, i benefici per la salute non..

Dormire male non fa bene al cuore
Dormire male non fa bene al cuore

Tra i disturbi causati dall’insonnia c'è anche un aumentato rischio di..

Abitudini, perché non riusciamo a farne a meno?
Abitudini, perché non riusciamo a farne a meno?

Rassicuranti o insopportabili, ecco quando è meglio cambiarle

Gioca a stare in salute con l’Iphone
Gioca a stare in salute con l’Iphone

Un gioco dell’oca virtuale per saperne di più su salute e benessere...

La dieta ideale per conciliare il sonno? Ognuno ha la propria
La dieta ideale per conciliare il sonno? Ognuno ha la propria

Gli effetti degli alimenti variano da persona a persona, anche in base..

A che velocità batte il tuo cuore?
Strumenti - A che velocità batte il tuo cuore?

Specificando il sesso e inserendo l’età otterrai la tua frequenza..

Sei vittima dello stress?
Test - Sei vittima dello stress?

Ritmi di vita sempre più frenetici mettono a dura prova il nostro..

Di che insonnia soffri?
Test - Di che insonnia soffri?

L’insonnia è un disturbo assai diffuso: riguarda 12 milioni di..

Shopping: gioia o tormento?
Test - Shopping: gioia o tormento?

L’unico rimedio alla tristezza e alla noia è perderti nei camerini,..

In vacanza riesci a staccare dal lavoro?
Test - In vacanza riesci a staccare dal lavoro?

Scopri con il nostro divertente test, se riesci a fare spazio dentro di..

Vacanze brevi: a cosa dai la priorità?
Test - Vacanze brevi: a cosa dai la priorità?

Scegli la tua terra madre, il soggiorno in una città straniera, o..