I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Alla scoperta degli alimenti con i vostri bambini

Tramite test divertenti è possibile avvicinare i bimbi a cibi diversi, stimolando il gusto e il piacere. Menù vari aiutano a restare in salute

No pagePagina successiva
Alla scoperta degli alimenti con i vostri bambini

Più Sani più Belli, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università, della Ricerca nella campagna 'Scuola e cibo'. Lo scopo di questa importante iniziativa è quella di sviluppare una buona relazione tra i giovani e l’alimentazione, diffondere la cultura del mangiar sano e prevenire il sovrappeso nei giovani, molto frequente e causa di vere e proprie patologie. "Mangiare bene e correttamente fin da piccoli contribuisce a mantenersi in salute e rappresenta uno buono stile di vita, all’insegna del benessere e dello stare bene insieme agli altri", dice il presidente del comitato 'Scuola e cibo' Riccardo Garosci. "Ecco perché è importante accrescere il piacere per il cibo, ricostruendo un rapporto sano e consapevole con gli alimenti. Si può fare non solo a tavola, ma anche giocando. Vi proponiamo alcuni test per giocare con i sensi: vista, gusto, tatto e olfatto. Per scoprire gli alimenti in modo diversi, non solo scegliendoli in base al loro aspetto. Si tratta di 'sperimentazioni' da fare tra amici, in classe o a casa con mamma, papà, nonni e zii. Sono indicati, in special modo, ai piccoli che vanno alle scuole elementari". La parola agli esperti, Piero Solci e Francesco Leonardi, membri del Comitato 'Scuola e Cibo' che hanno messo a punto questi giochi.


Come sono stati studiati questi test e il loro significato
Attraverso il gioco si stimolano e si collaudano nel bambino tutti i sensi: gusto, tatto, olfatto e vista", spiega Piero Solci, esperto in analisi sensoriali, degustazione degli alimenti e membro del comitato 'Scuola e Cibo'. "L’aspetto sensoriale è la parte più profonda ed emotiva di ciascuno di noi, quella che maggiormente rimane impressa nei ricordi. L’olfatto influisce fino all’80 percento nell’apprezzamento del cibo. I bambini specialmente memorizzano i profumi, ai quali poi associano ricordi positivi e negativi legati all’alimentazione. Stimolare il loro olfatto, già da piccolini è una maniera per avvicinarli al piacere del cibo, alla curiosità verso i vari alimenti anche da grandi. I bambini che già dallo svezzamento seguono una dieta variegata, saranno portati da grandi ad apprezzare più facilmente sapori diversi".


Menù vari combattono l’obesità e le malattie dovute al sovrappeso
"È importante avvicinare i bambini a un approccio consapevole del cibo, educarli al gusto", dice il professor Francesco Leonardi, primario di dietologia dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro di Catania."Piccoli giochi e sperimentazioni con gli alimenti li aiutano a riappropriarsi del rapporto diretto con i cibi. Inoltre, imparano divertendosi e, ancor di più, l’alimento acquisisce un simbolo legato al piacere. Oggi la tendenza di molte famiglie è quella di consumare pasti veloci e confezionati. Si preferisce, a volte, far mangiare ai bambini ciò che più apprezzano, un po’ per velocità, un po’ per evitare problemi o il rifiuto a completare il pasto. Senza sperimentare novità. E, spesso, i pasti sono ricchi di grassi saturi e poveri di fibre, che possono portare all’insorgenza di fegati grassi. È bene, invece, aiutare i piccoli ad apprezzare frutta e verdure fresche, prediligendo gli alimenti di stagione e del territorio. Variare il più possibile i menù giornalieri contribuisce a preparare l’apparato digerente a conoscere alimenti di vario tipo. Non a caso, in passato, le nostre nonne ci facevano assaggiare un po' di tutto, piccoli bocconcini ma che sviluppavano la curiosità alimentare".

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento