I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Come riconoscere il pianto di un neonato

Acuto, intermittente, insistente. Il pianto dei piccoli di pochi mesi ha caratteristiche molto differenti. Perché diverse sono le sue cause come pure le strategie per calmarlo

No pagePagina successiva
Come riconoscere il pianto di un neonato

Ogni pianto, nel neonato, sottintende una necessità: fame, sonno, dolore, disagio. E ogni vagito, quindi, ha una specificità che può essere tradotta in una richiesta precisa: nutrimi, cambiami, coccolami… Come decifrare questo particolarissimo "alfabeto"? Prima di tutto armandosi di pazienza. Cioè riflettendo sul fatto che se le urla del piccolo sono così insopportabili, per timbro, tonalità e volume, ciò è dovuto probabilmente ad una chiara "strategia" messa a punto dalla natura per salvaguardare la sopravvivenza della specie.


Un messaggio preciso

Spiega infatti Daniela Lenti Boero, docente di Psicobiologia della facoltà di Psicologia dell’Università della Valle d’Aosta e parte attiva in un particolare filone di ricerca che da alcuni anni studia il pianto dei piccolissimi: “È probabile che il piccolo umano, nascendo molto immaturo e bisognoso di cure, emetta un segnale fastidioso per spingere la madre ad acquietarlo il prima possibile. Questo fatto, poteva essere particolarmente importante per la sopravvivenza della specie quando l’uomo viveva in natura e poteva essere oggetto di attacchi di predatori. L’urlo dei bambini infatti rendeva più facilmente localizzabile il gruppo e quindi andava calmato al più presto”.


Una richiesta di aiuto
Anche ora i bambini nascono con pochissima autonomia. Anche ora hanno bisogno di creare fastidio per ottenere un tempestivo intervento. E anche ora, per noi, è meglio calmarli in fretta. Per salvaguardare, se non la sopravvivenza, sicuramente la salute e la serenità di tutta la famiglia. Come farlo? Mettendosi in ascolto.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Il pianto che nasce dal nostro passato

Le lacrime dipendono dalla nostra personalità, dalle esperienze vissute,..

Perché le donne piangono più degli uomini?

Soprattutto per motivi culturali; ma a volte le lacrime sono un modo per..

Piange: come puoi consolare il tuo bimbo?

Per calmarlo, canta dolcemente solo per lui, stringilo a te e cullalo..

I capricci che aiutano a crescere

Il pianto di frustrazione è spesso legato alla conquista dell’autonomia

I batteri amici del bebè

Un fermento lattico probiotico sembra il rimedio più efficace per..