I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Aiuto! Il mio bimbo non vuole la frutta!

Se il tuo bambino non vuole saperne di mele, banane e kiwi, via libera alle alternative

Aiuto! Il mio bimbo non vuole la frutta!

Appena nomini una mela, una pera o una banana il tuo piccolo storce il naso? Tranquilla, sei in buona compagnia. Certo, frutta e verdura sono alimenti fondamentali per l’apporto di fibre, vitamine e minerali e imparare a mangiarle da piccoli è importante per una corretta educazione alimentare. Non è però il caso di crucciarti né di obbligare i tuoi bambini a fare il pieno di frutta controvoglia.

“Spesso, per invogliare i più piccoli a mangiare la frutta, basta qualche semplice trucchetto. E nei casi più “disperati” si possono trovare delle alternative valide dal punto di vista nutrizionale”, spiega la dottoressa Evelina Flachi, Specialista in Scienza dell’Alimentazione, Docente a.c. alla Scuola di Specializzazione in Idrologia Medica e Medicina Termale dell’Università di Milano.

 

Deliziosa frutta estiva!

Per prima cosa sfrutta l’attuale stagione. In estate puoi trovare tutta la frutta che vuoi e difficilmente ciliegie, albicocche, pesche, meloni e angurie lasciano indifferenti i bambini. Solo per il fatto che hai a disposizione frutta di tutti i colori puoi tentarli con sgargianti macedonie o accattivanti spiedini di frutta fresca. Negli spiedini puoi aggiungere un pezzetto di frutta disidratata, in genere più saporita e dall’aspetto più “esotico”, che può aiutarti ad incuriosire il piccolo. Nella macedonia, puoi talvolta aggiungere mandorle, noci o nocciole per dare quel tocco di sapore in più, ma solo dopo avere chiesto conferma al pediatra. “Infatti la frutta secca è molto ricca di vitamine e minerali (per esempio vitamina E, fosforo, potassio), ma attenzione alle allergie nei bambini ", ammonisce la dottoressa.

A merenda o alla fine di un pasto leggero puoi anche proporre la classica macedonia con il gelato, che fornisce vitamina, fibre, proteine e calcio. Se tuo figlio è allergico al latte o alle uova, puoi scegliere un gelato vegetale, come ad esempio quello di soia.

 

Frappè, frullati e frutta cotta

E se, nonostante tutto, lascia la frutta per mangiare solo il gelato? Oppure l’illusione dura solo per la breve parentesi dell’estate e all’arrivo dell’autunno sei punto e a capo? Tranquilla, puoi usare qualche altro stratagemma! “Se è un bambino a cui non piace la frutta invernale si può fare qualche buon frullato o frappé, mischiando la frutta poco gradita con il latte o preparare della frutta cotta, per decorare una crostata”, suggerisce la dottoressa Flachi.

 

Frutta “confezionata”

Se, invece, proprio non ne vuole sapere della frutta fresca in generale, puoi optare per i vasetti di frutta pastorizzata: ne esistono di vari tipi e sono in genere senza zuccheri aggiunti. Li puoi proporre sia come merenda sia come dolce a fine pasto. Cambia spesso gusto, in modo da farlo abituare un po’ a tutti i sapori. Pian piano vedrai che entrerà più in sintonia con la frutta e comincerà a mangiare anche quella fresca. L’importante è non demordere, continua a insistere, senza però essere noiosa: proponi cose nuove ma non imporle mai.

di Stefania Rattazzi

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Centrifugati: vitamine e minerali a primavera
Centrifugati: vitamine e minerali a primavera

La migliore cura ricostituente, per grandi e piccini, per vincere..

Il gelato: una fonte di calcio e di vitamine
Il gelato: una fonte di calcio e di vitamine

È l’alimento preferito da grandi e piccini ed è anche una soluzione..

Tutti pazzi per la frutta viola
Tutti pazzi per la frutta viola

Gli alimenti di questo colore contengono polifenolo, un antiossidante..

Quando la frutta scatena un attacco allergico
Quando la frutta scatena un attacco allergico

Si chiama sindrome orale allergica, provoca prurito e bruciore, avvertito..