I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Malattie paradontali più rischiose per chi ha il diabete

In Italia oltre 3 milioni di diabetici rischiano di contrarre infezioni orali 2/3 volte di più, con un rischio di peggioramento del 37%. I dentisti: “Inserire il diabetico in un programma di controllo e cura dentale”. L’invito alla prevenzione.

Malattie paradontali più rischiose per chi ha il diabete

I pazienti affetti da diabete mellito sarebbero 2/3 volte più a rischio di contrarre una malattia parodontale infettiva, soprattutto nella fasi di ipoglicemia e iperglicemia, ossia in quei casi in cui la glicemia non sia tenuta sotto controllo, e si rischi di veder peggiorare la malattia nel 37% dei soggetti, contro un’incidenza dell’11% tra la popolazione non diabetica.

In Italia i pazienti diabetici sono oltre 3 milioni, senza considerare un ulteriore milione di persone per i quali il diabete ancora non è stato diagnosticato. L’incidenza della mortalità è di circa 27.000 morti ogni anno e il costo di questa malattia è decisamente elevato, sia in termini economici, sia sociali.

Per questi pazienti, contrarre parodontiti può comportare l’insorgere di complicazioni anche gravi. Nelle lesioni parodontali, infatti, si trovano elevate concentrazioni di batteri patogeni Gram-negativi in grado di penetrare i capillari delle gengive ed entrare in circolo nell’organismo, dando origine a episodi di batteriemia ed immissione di tossine. “I pazienti che soffrono di parodontite, hanno la tendenza a sviluppare stati infiammatori nell’intero organismo, riscontrabili anche a livello ematico, tendenza che vediamo accentuata in chi soffre di diabete –. ha commentato il dottor Marco Turco, dentista responsabile dei programmi di cura dei centri Samadent - Avere un’infiammazione elevata costante costituisce una fonte di stress insostenibile per il nostro organismo, che è come se si trovasse sempre al centro di una guerriglia, e da questa situazione possono nascere disturbi ben più gravi come malattie aterosclerotiche o, addirittura, si può rischiare un infarto miocardico. Noi dentisti da sempre consigliamo di sottoporsi regolarmente a visite di controllo dal proprio odontoiatra di fiducia, ma per quanto riguarda i pazienti diabetici, questo invito diventa ancora più importante.”

“Inserire un diabetico in un programma di controllo e cura dentale, può tradursi in una riduzione del costo delle cure del 20% – prosegue il dottor Turco –. È opportuno, però, che lo specialista faccia delle domande mirate a conoscere lo stile di vita del paziente, il suo andamento glicemico, se hanno perso denti, se alcuni dondolano, se le gengive sono infiammate o si ritirano. Credo che sarebbe opportuno, nel momento stesso in cui il medico diagnostica la patologia, informare il paziente della correlazione tra diabete e malattie parodontali, e delle conseguenze che queste possono comportare”.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Come difendersi da virus e batteri
Come difendersi da virus e batteri

Autobus, metrò e locali pubblici: attenzione all’igiene

La bocca secca, un sintomo di malattie
La bocca secca, un sintomo di malattie

La secchezza può indicare ostruzioni nasali o malattie autoimmuni. I..

Malattie rare: un successo l'esperienza in mare per i giovani pazienti
Malattie rare: un successo l'esperienza in mare per i giovani pazienti

I ragazzi che ne soffrono hanno trascorso qualche giorno sulla Nave..

23 - 27 maggio: è iniziata la Settimana della Prevenzione Andrologica
23 - 27 maggio: è iniziata la Settimana della Prevenzione Andrologica

Oltre 220 centri specializzati offrono visite gratuite contro le..

14 giugno: Giornata Mondiale del Donatore di sangue
14 giugno: Giornata Mondiale del Donatore di sangue

''Più sangue, più vita'': questo lo slogan coniato per celebrare un..