I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Integratori alimentari: li utilizzano due italiani su tre

Consigliati da oltre la metà dei medici di medicina generale e da un terzo degli specialisti per risolvere problematiche gastrointestinali, cardiovascolari e osteoarticolari. Ma anche per disturbi da raffreddamento, capelli, sonno, tono ed energia.

Integratori alimentari: li utilizzano due italiani su tre

Il crescente interesse degli italiani per il proprio benessere e la propria salute, incide sempre più positivamente nel loro rapporto con gli integratori alimentari, tanto che, secondo un’indagine di GfK Eurisko, realizzata per FederSalus (l’associazione nazionale produttori e distributori di integratori alimentari e prodotti dietetici più rappresentativa del settore), questi sono utilizzati da ben 2 persone su 3.

Secondo la ricerca, dal titolo “Integratori alimentari: il consumatore e il ruolo del medico”, l’80% della popolazione ha utilizzato almeno un integratore alimentare nell’ultimo anno (+15% dal 2012), pur ricercando la convenienza di prezzo. I motivi di utilizzo riguardano solo in parte il “tono e rinforzo” (38%), che suscita l’interesse soprattutto dei giovani motivati a migliorare le performance fisiche e cognitive, perché a prevalere sono le esigenze di “cura” (40%) e di “prevenzione” (39%), soprattutto tra gli over 65 e le donne, principali consumatori di integratori (il 58% del totale).

 

In 2 casi su 3, per ricevere un consiglio per l'utilizzo più appropriato alle proprie necessità, il consumatore fa riferimento al medico e al farmacista, suoi principali interlocutori di riferimento, seppure con ruoli diversi. “In generale l’atteggiamento dei medici nei confronti dell’integrazione alimentare è evoluto nel tempo da scetticismo ad interesse e consiglio attivo, grazie al crescente endorsement scientifico riconosciuto alle sostanze contenute negli integratori ed alla soddisfazione dei loro assistiti – afferma Marco Fiorani, Presidente di Federsalus – Questo influisce sulla disponibilità all’ascolto da parte dei medici ed il nostro impegno è di favorire il dialogo tra le aziende produttrici, medici e farmacisti per un’informazione completa e qualificata e l’utilizzo sempre più consapevole e corretto dei prodotti da parte dei consumatori”.

 

Perché assumerli

I medici di medicina generale, in particolare, tendono a consigliare gli integratori soprattutto per risolvere problematiche gastrointestinali (instestinali 38%, gastrici 49%), cardiovascolari (colesterolo e dislipidemie) (57%) e osteoarticolari (47%).

Mentre per il medico specialista, gli integratori rappresentano una scelta valida per problemi relativi agli occhi (45%), l’apparato uro-genitale (35%) e i problemi femminili (25%).

Quali i motivi che spingono il medico a consigliare un integratore? Il riconoscimento del loro valore, di un razionale scientifico che ne giustifica l'utilizzo in molteplici aree, e il fatto che rappresentino un valido aiuto per il benessere della persona.

Determinante il ruolo ‘consulenziale’ del farmacista, a cui il consumatore si rivolge soprattutto per disturbi da raffreddamento (38%), problemi di capelli (32%), sonno (30%), tono ed energia (28%), vitamine e sali minerali (25%).

“Interessante osservare come il medico, sia di famiglia che specialista, si sia avvicinato al mondo degli integratori, riconoscendo in essi un razionale scientifico che ne giustifica l'utilizzo in molteplici aree: dai piccoli disturbi (disturbi intestinali, disturbi del sonno, problemi genitourinari‎, affaticamento fisico e mentale) alla promozione del benessere (recupero e rinforzo). Forte e condivisa l'attesa da parte di medici di una informazione scientifica ‎in quest'area”, afferma Isabella Cecchini di GfK Eurisko.

Guardando invece alla Farmacia, emerge che la visione tradizionale del canale è superata e la crescita del comparto degli integratori richiede un forte recupero del ruolo di consiglio del farmacista. “Nel caso degli integratori – afferma Valentina Petitto, farmacista e membro Utifar - è fondamentale per il farmacista conoscerne tutte le indicazioni per l’uso corretto, facendo attenzione all’interazione con i farmaci, senza dimenticare le opportunità di cross selling offerte dal canale. Solo in tal modo il farmacista non perderà il suo importante ruolo di mediatore nel consiglio di prodotti per la salute”.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Integratori fai da te? No grazie
Integratori fai da te? No grazie

Secondo l’Aimef conterrebbero sostanze non dichiarate, e soprattutto..

Allarme rosso per il cuore delle donne
Allarme rosso per il cuore delle donne

Al contrario di quanto si crede, le malattie cardiovascolari colpiscono..

Controlli e visite gratuite per gli over 50 nei mercati rionali del Lazio
Controlli e visite gratuite per gli over 50 nei mercati rionali del Lazio

Una campagna di prevenzione e promozione della salute realizzata dalla..

Dormire male non fa bene al cuore
Dormire male non fa bene al cuore

Tra i disturbi causati dall’insonnia c'è anche un aumentato rischio di..

Maggio dedicato alla prevenzione delle patologie dell’udito
Maggio dedicato alla prevenzione delle patologie dell’udito

Nei centri Amplifon si può prenotare una visita di controllo gratuito

Sai curarti da sola?
Test - Sai curarti da sola?

Verifica qual è il tuo rapporto con i farmaci

Credi solo nei farmaci o ti curi con le terapie naturali?
Test - Credi solo nei farmaci o ti curi con le terapie naturali?

Tradizionalista convinta o pronta a provare le medicine complementari?..

Chirurgia estetica maschile: favorevole o contraria?
Test - Chirurgia estetica maschile: favorevole o contraria?

Come ti comporteresti se il tuo lui si candidasse per un intervento di..

TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?
Test - TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?

Sei sicura di bere a sufficienza? Fai il test e scegli l’acqua più..