I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Influenza stagionale: i consigli della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale

Influenza stagionale: i consigli della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale

Per la prevenzione e il controllo dell’influenza stagionale, anche quest’anno il Ministero della Salute ha emanato la circolare annuale con le raccomandazioni e le indicazioni: il Dicastero, che fa capo all’On. Beatrice Lorenzin, prevede di vaccinare il 75% degli ultrasessantacinquenni e dei gruppi a rischio di tutte le età, come obiettivo minimo perseguibile, e il 95% come obiettivo ottimale. “L’influenza - dichiara il Dott. Giuseppe Di Mauro, Presidente SIPPS (Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale) - è una delle più comuni malattie nel mondo e, al tempo stesso, rappresenta una potenziale minaccia di pandemia. E’ un grave problema che affligge la Sanità Pubblica a causa dell’ubiquità, contagiosità e variabilità antigenica dei virus influenzali, oltre all’esistenza di serbatoi animali e delle possibili gravi complicanze. Siamo convinti che la vaccinazione antinfluenzale rappresenti il mezzo più efficace e sicuro per prevenire la malattia e le sue complicanze. Tengo inoltre a sottolineare l’efficacia dei vaccini antinfluenzali: la loro composizione viene infatti aggiornata ogni anno”. Il vaccino antinfluenzale è indicato nel periodo che va da metà ottobre a fine dicembre, per tutti i soggetti che desiderano evitare la malattia influenzale e che non abbiano specifiche controindicazioni. Tuttavia, la vaccinazione viene offerta attivamente e gratuitamente ai soggetti che per le loro condizioni personali corrono un maggior rischio di andare incontro a complicanze nel caso contraggano la malattia e ai soggetti che hanno un’età superiore ai 65 anni. La protezione indotta dal vaccino comincia due settimane dopo l’inoculazione e prosegue per un periodo di sei-otto mesi, per poi declinare. Per questo motivo è necessario rivaccinarsi ogni anno.

I vaccini antinfluenzali contengono solo virus inattivati o parti di questi: non possono, dunque, essere responsabili di infezioni da virus influenzali. “La vaccinazione - conclude Luciano Nicolosi, Responsabile Gruppo di Lavoro Vaccini e Vaccinazioni SIPPS - oltre ad una protezione soggettiva garantisce la salvaguardia di quanti sono a contatto con il vaccinato (“protezione di gregge”), impedendo in tal modo la diffusione del contagio ai conviventi e contatti. La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale auspica che tale vaccinazione, praticabile a partire dal 6° mese di vita, possa essere attivamente offerta a tutti i soggetti in età pediatrica a rischio di conseguenze gravi, perché portatori di patologie croniche, in particolare dell’apparato respiratorio e cardio-circolatorio, come indicato nella Circolare del Ministero della Salute”. 

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Il vaccino contro la varicella
Il vaccino contro la varicella

Può evitare a grandi e piccoli i fastidi arrecati dall’herpes zoster

Influenza A: dobbiamo preoccuparci?
Influenza A: dobbiamo preoccuparci?

Nessun allarme, ma è importante la vaccinazione per le categorie a..

È frutto della ricerca italiana il primo vaccino contro la meningite
È frutto della ricerca italiana il primo vaccino contro la meningite

Per gli adolescenti, la categoria più a rischio, adesso c’è una nuova..

Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?
Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?

Le buone maniere vanno insegnate subito, a partire dai tre anni. Quali..

Bambini al sole: come proteggerli
Bambini al sole: come proteggerli

Alcuni semplici ma fondamentali accorgimenti per preservare i bimbi da..