Incontinenza e alimentazione: cosa portare in tavola, cosa evitare

Per chi soffre di problemi di incontinenza, seguire una dieta sana ed equilibrata può essere molto importante. Spesso, infatti, cattivi stili di vita alimentari possono incidere negativamente sul disturbo della minzione. Mangiare bene, evitare il sovrappeso, se necessario mettersi a dieta, sono strategie fondamentali per ridurre l’incontinenza. I chili in più favoriscono, infatti, una pressione sulla vescica, peggiorando il disturbo. Nella scelta delle pietanze da portare in tavola è bene tenere presenti alcuni accorgimenti, evitando di consumare cibi e preparazioni che possano infiammare la vescica. Vediamo, dunque, cosa è concesso, cosa è vietato e cosa è preferibile assumere con moderazione.

Cosa portare in tavola

Non esiste una dieta specifica per gli incontinenti. La regola importante è quella di seguire un’alimentazione bilanciata, in cui siano presenti tutti i nutrimenti necessari per l’organismo. Favorendo frutta e verdura di stagione per fare un pieno di vitamine e sali minerali. Portare in tavola alimenti e pietanze cucinate in maniera sana, al vapore, al cartoccio al forno, evitando invece piatti troppo elaborati e le fritture. Una maniera per facilitare anche la digestione, evitare il rischio di prendere peso e sentirsi bene.

I benefici del tè verde

Nel tè verde sono stati riscontrati effetti benefici in chi soffre di incontinenza urinaria. Lo ha rivelato

uno studio internazionale, pubblicato su Neurourology and Urodynamics, capitanato dallo statunitense professor Andy Lee del Curtin Health Innovation Research Institute, insieme con altri ricercatori giapponesi. Lo studio è stato condotto su donne giapponesi di età compresa tra i 40 e i 75 anni ed è emerso che coloro che bevevano almeno 4 tazze di tè verde miglioravano la loro condizione.
Il tè verde è un prodotto non fermentato e contiene molta meno caffeina rispetto a quello nero. Inoltre è ricco di sostanze antiossidanti. In particolare l’epigallocatechina contrasta l’insorgenza si calcoli urinari, ha proprietà preventive contro il cancro della vescica e reduce i livelli di stress ossidativo.

Cosa evitare o assumere con moderazione

È bene sapere che i piatti che portiamo in tavola spesso contengono alimenti che stimolano la diuresi. Ecco perché alcuni andrebbero limitati, altri addirittura ridotti. Tra questi primi fra tutti: gli alcolici, il caffè e il tè (ad esclusione del tè verde). Questi aumentano la stimolazione della vescica.
Andrebbero limitati anche cibi e bevande con effetto irritante sulle vie urinarie. Tra la frutta da evitare troviamo in particolare gli agrumi, arance, mandarini, limoni e pompelmi, ma anche fragole, nonché la frutta secca. Tra i vegetali è preferibile limitare le cipolle, il pomodoro così come il succo di pomodoro che, anche questo, consumato di frequente ha un effetto irritante. Da evitare ancora i condimenti piccanti, peperoncino, pepe e spezie varie, nonché la cioccolata che possono infiammare la vescica e dare ulteriori disturbi. Limitare sensibilmente i formaggi stagionati.

 

Scopri gli esercizi mirati e mantieniti in forma

Esercizi tonificanti
stretching