I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Epatite C: ne soffre il 3% degli italiani

In occasione della Giornata Mondiale delle Epatiti, richiesto a gran voce un piano strategico per curare tutti i pazienti, migliorare la gestione della patologia e rendere l’innovazione terapeutica un investimento di salute pubblica.

Epatite C: ne soffre il 3% degli italiani

Guarire dalla malattia si appresta a divenire un traguardo possibile per la grande maggioranza dei pazienti affetti da Epatite C. Uno scenario realizzabile, quello di cambiare la storia naturale della malattia dalla cronicità alla guarigione, grazie alle nuove terapie che si stanno rendendo disponibili a livello europeo, che prospettano un approccio del tutto innovativo alla patologia. Ma come permettere ai pazienti di accedere finalmente alle cure - costose - che stanno attendendo e rendere tali cure sostenibili per il Sistema Sanitario Nazionale?

Il tema è stato discusso al convegno “La lotta all’Epatite al banco di prova delle richieste dei Pazienti e dei bisogni del Sistema Salute”, promosso da AboutPharma and Medical Devices, con il patrocinio del Senato della Repubblica, del Ministero della Salute, dell’Associazione EpaC Onlus, della Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva (SIGE), dell’Associazione Italiana Gastroenterologi & Endoscopisti Digestivi Ospedalieri (AIGO), e con il contributo non condizionato di Bristol-Myers Squibb, che ha visto confrontarsi Istituzioni, policy-makers, comunità scientifica e Associazione pazienti.

L’incontro ha sollecitato da più parti la necessità che l’attenzione da parte di tutti gli stakeholders nei confronti di una patologia di così alto impatto sociale, sanitario ed economico, si traduca nell’attuazione di una programmazione lungimirante, adeguata dal punto di vista strategico e delle risorse economiche messe a disposizione, che consenta, nel lungo periodo, di curare tutti i pazienti con Epatite C cronica, realizzando un’efficiente universalità del nostro SSN.

“Dopo 25 anni dalla scoperta del virus, siamo dinanzi alla svolta epocale di sconfiggere la malattia, grazie a terapie combinate composte da farmaci antivirali ad azione diretta caratterizzati non solo da un alto profilo di efficacia, ma, anche, da una facile somministrazione orale e dalla quasi totale assenza di effetti collaterali”, ha dichiarato Maria Rendina, del Comitato coordinatore dell’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (AISF), Gastroenterologa del Policlinico di Bari. “Questi nuovi farmaci cambieranno il volto della terapia dell’Epatite C cronica - ha aggiunto la Dr.ssa Rendina -: i pazienti potranno essere trattati più semplicemente e con una probabilità di successo molto elevata. Ciò vale in maniera particolare per alcune categorie di pazienti con importanti bisogni clinici non soddisfatti come i pazienti con malattia epatica avanzata, che abbiano recidivato o siano risultati intolleranti alle terapie correntemente in uso, pazienti co-infetti HCV-HIV, pazienti con trapianto di fegato”.

“Il problema non è solo il costo della terapia ma la corretta gestione di una patologia gravata da una lunga storia naturale e pertanto molto costosa, dove un farmaco usato al momento adeguato può diventare un risparmio per il SSN”, ha dichiarato Antonio Gasbarrini, professore di Gastroenterologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. “Non è soltanto il costo elevato per singolo paziente a spaventare i decisori, quanto piuttosto il numero di pazienti da trattare, che si aggira tra le 300 e le 400.000 persone, cioè quelle diagnosticate, rispetto ai circa 1,3/1,5 milioni di persone infette stimate in Italia. Ciò pone la delicata questione dell’accesso all’innovazione terapeutica, che deve conciliarsi con il principio etico di curare tutti al meglio, evitando una selezione disomogenea dei pazienti da ammettere al trattamento. Proprio per garantire uniformità di trattamento, senza differenze regionali, sarebbe anche auspicabile l’adozione di un Piano diagnostico-terapeutico unico a livello nazionale e la rapida entrata in vigore del Piano Nazionale per la Lotta alle Epatiti Virali (PNLEV) che recentemente Associazioni, medici, pazienti e Ministero della Salute hanno prodotto nella versione definitiva, al fine di uniformare le cure e l’accesso ad esse in tutte le Regioni d’Italia”, ha concluso il Prof. Gasbarrini.

“Il percorso da intraprendere deve tener conto della gravità della situazione e operare per salvaguardare la vita dei pazienti”, ha affermato Ivan Gardini, Presidente dell’Associazione EpaC Onlus. “Il costo del farmaco va valutato anche in termini di abbattimento dei costi correlati alla malattia, sia diretti che indiretti, inclusi anche i costi sociali. Per questo motivo è condivisibile la proposta di un piano pluriennale per trattare gradatamente tutti i malati di Epatite C, stanziando un budget adeguato dedicato alla patologia che nel medio-lungo periodo sia compensato dai benefici di riduzione dei costi sia diretti, per la cura dell’HCV e delle patologie HCV-correlate (farmaci, ospedalizzazione, specialistica, gestione del paziente, trapianti), che indiretti (perdita di produttività e morte prematura)”, ha affermato Francesco Saverio Mennini, professore di Economia Sanitaria e Direttore del Centro Eetha-Ceis dell’Università “Tor Vergata”.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Come difendersi da virus e batteri
Come difendersi da virus e batteri

Autobus, metrò e locali pubblici: attenzione all’igiene

Farmaci in valigia
Farmaci in valigia

8 italiani su 10 non partono senza un kit di emergenza: antinfiammatori,..

Sai quando utilizzare i farmaci generici?
Sai quando utilizzare i farmaci generici?

Efficaci e sicuri, hanno un costo inferiore rispetto a quelli di..

Per la medicina di genere, uomini e donne sono pazienti diversi
Per la medicina di genere, uomini e donne sono pazienti diversi

È importante tenere conto delle differenze tra i sessi per diagnosi..

“Race for the Cure”, insieme contro il cancro al seno
“Race for the Cure”, insieme contro il cancro al seno

Il 22 maggio si corre la mini-maratona di solidarietà con le donne che..

Sai curarti da sola?
Test - Sai curarti da sola?

Verifica qual è il tuo rapporto con i farmaci

Sei combattiva o fatalista?
Test - Sei combattiva o fatalista?

Sei convinta di poter esercitare un controllo sugli eventi e di poter..

Scopri se sei ipocondriaco
Test - Scopri se sei ipocondriaco

Sei quasi sempre preoccupata per la tua salute? Non fai altro che pensare..