I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Embolia Polmonare: nel Lazio colpisce 1 persona su 700, per la maggioranza donne.

Sabato 11 ottobre a Roma, un convegno riunisce i massimi esperti per discutere di questa patologia severa, a volte letale, e confrontarsi sulle novità di trattamento.

Embolia Polmonare: nel Lazio colpisce 1 persona su 700, per la maggioranza donne.

L’Embolia Polmonare è una condizione severa, potenzialmente letale, sia nella forma acuta sia nella più rara forma cronica. Si manifesta quando un coagulo di sangue si stacca e arriva al polmone. La migrazione del trombo ostruisce, completamente o parzialmente, uno o più rami dell’arteria polmonare bloccando l’afflusso di sangue a quella specifica parte dell’organo. Generalmente l’occlusione è provocata da parte di materiale embolico di origine extra-polmonare, molto più raramente da fenomeni di trombosi locale.

“L’Embolia Polmonare, nella sua forma acuta, riguarda in Italia circa 65.000 nuovi casi all’anno – afferma il Dott. Piero Tanzi, Primario cardiologo dell’Ospedale San Camillo-Forlanini – In particolare, si stima che nel Lazio 1 persona ogni 700 abitanti sia colpita da questa patologia”. Oltre ad un’incidenza piuttosto elevata, l’embolia polmonare è una condizione con un alto tasso di recidiva. “Inoltre – aggiunge il Dott. Tanzi – si tratta di una patologia con una mortalità del 10%, ciò significa che risulta fatale per una persona su 10 già dal primo evento. Le donne sono le più colpite – ricordalo specialista – ma ci sono alcune condizioni, indipendenti dal genere, che concorrono alla formazione dei trombi e possono aumentare il rischio di manifestare questa condizione, come ad esempio aver subito interventi chirurgici o grandi traumi, la presenza di varici, prolungati periodi di allettamento dovuti ad altre condizioni patologiche etc.”.

Sabato 11 ottobre a Roma un convegno dedicato a questa patologia poco conosciuta e di difficile diagnosi mette a confronto esperti nell’ambito della cardiologia, medicina d'urgenza, radiologia, cardiochirurgia etc. per un approccio diagnostico-terapeutico multidisciplinare, anche alla luce delle nuove terapie disponibili rappresentate dai nuovi anticoagulanti orali.

 

Diagnosi

La prima problematica correlata alla gestione di questa patologia riguarda la difficoltà della diagnosi. “La diagnosi tempestiva di embolia polmonare è difficile principalmente per due ragioni – precisa il Dott. Tanzi – la prima è riconducibile a sintomi scarsamente rappresentati che portano ad una forma cronica della malattia e quindi a un ritardo nella diagnosi; la seconda è la presenza di sintomi aspecifici. Per questo motivo è fondamentale valutare attentamente i fattori di rischio, in modo da procedere con una modalità di previsione diagnostica, individuando così i pazienti maggiormente a rischio”.

L’importanza di una diagnosi tempestiva dell'evento acuto e di un corretto follow-up è cruciale non solo per la prevenzione secondaria delle recidive ma anche e soprattutto per una diagnosi precoce della complicanza più temibile dell’embolia polmonare rappresentata dall’ipertensione polmonare tromboembolica cronica.

 

Cure

In questi ultimi anni sono stati molti i progressi ottenuti sia sul fronte della diagnosi sia su quello del trattamento delle forme acute e croniche di embolia polmonare. In particolare, a poco più di un anno dall’immissione in commercio dei nuovi anticoagulanti orali, lo scenario per la prevenzione del rischio cardio-embolico è cambiato positivamente.

“La terapia standard in pazienti a rischio moderato per i quali non è indicata la trombolisi, si basa sulla somministrazione di eparina a basso peso molecolare, per via parenterale o somministrata sottocute, e antagonisti della vitamina K – afferma la Dott.ssa Maria Paola Cicini, Responsabile del Centro di Diagnosi e Cura dell'Ipertensione Polmonare presso l’Ospedale San Camillo-Forlanini di Roma e Responsabile Scientifico del Convegno - Un approccio efficace ma complesso che oggi trova una valida alternativa nei nuovi anticoagulanti orali, più maneggevoli e sicuri, che non richiedono frequenti controlli ematologici per l’aggiustamento del dosaggio e non hanno alcuna interazione con i cibi e limitate con i farmaci”.

L’applicazione di un efficace regime terapeutico anticoagulante è pertanto l’elemento cruciale per esercitare misure preventive adeguate per il trattamento in acuto dell’embolia polmonare.

Tra le complicanze dell’embolia polmonare, infine, un tema che verrà ampiamente discusso in sede di convegno è quello dell’ipertensione polmonare tromboembolica cronica. “In circa il 3% dei pazienti con embolia polmonare, il mancato scioglimento completo del trombo comporta l’insorgenza di ipertensione polmonare trombo embolica – conclude la Dott.ssa Cicini – Una condizione che può richiedere un intervento cardiochirurgico. Esiste comunque un 20% di pazienti non candidabili all’intervento, per questi casi specifici abbiamo una recente novità farmacologica, rappresentata da riociguat, il primo farmaco ad oggi approvato con questa specifica indicazione”.


Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Nucleare e salute: niente rischi per l’Italia
Nucleare e salute: niente rischi per l’Italia

Rafforzati i controlli sui prodotti di origine animale e non, in arrivo..

Osteoporosi: si cura coi bifosfonati, ma aumentano i rischi di fratture
Osteoporosi: si cura coi bifosfonati, ma aumentano i rischi di fratture

L’Agenzia europea dei medicinali ha deciso una revisione dei farmaci..

Una vacanza “sana”
Una vacanza “sana”

Guida alle vaccinazioni da fare prima di partire per mete esotiche

In vacanza con il pancione
In vacanza con il pancione

Lui è al sicuro, dentro di te. Basta un po’ di buon senso e puoi..

Maybe baby...
Strumenti - Maybe baby...

Scopri quali sono i tuoi giorni fertili, ossia i giorni in cui hai..