I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Elisir naturali per ridurre i livelli di colesterolo

I rimedi fitoterapici sono un valido aiuto per chi soffre di lieve ipercolesterolemia

Elisir naturali per ridurre i livelli di colesterolo

Avete ritirato le vostre analisi e vi siete resi conti che il vostro livello di LDL è poco più alto rispetto alla norma? Non preoccupatevi. Basterà acquisire delle nuove abitudini per riportare tutto alla norma. Lo stile di vita infatti è di fondamentale importanza per mantenere i nostri livelli di colesterolo sotto i livelli di guardia. Una sana e corretta alimentazione povera in acidi grassi saturi, un ridotto consumo di alcol, una attenta e regolare attività fisica, un controllo del proprio peso corporeo e l’assenza di fumo sono degli ottimi alleati per tenere lontana l’ipercolesterolemia. Capita però che alcune volte tutto ciò non basta: necessita di un aiuto esterno.

 

Perché è importante ridurre i valori di colesterolemia?

È risaputo dalle società scientifiche e dagli operatori sanitari che ridurre i valori di colesterolo significa ridurre il rischio di infarto miocardico e di ictus. Alti valori infatti comportano la formazione delle cosiddette placche e la stenosi arteriosa.

 

Cosa è il colesterolo?

 Il colesterolo è indispensabile per la nostra vita: è un componente fondamentale delle membrane biologiche, un precursore degli ormoni steroidei e degli acidi biliari. Prodotto per la maggior parte dal fegato, perché possa circolare nel sangue deve essere  legato alle lipoproteine. Esistono quattro tipi diversi di  lipoproteine ma le più importanti dal punto di vista cardiovascolare sono le HDL  e le LDL. Le prime, le HDL, le lipoproteine a alta densità, trasportano il colesterolo dai tessuti al fegato. Le LDL, le lipoproteine a bassa densità, trasportano il colesterolo dal fegato ai tessuti. Secondo le linee guida ESC, valori di colesterolo totale (HDL + LDL) ≤ 200 mg/dl sono quelli auspicabili mentre soggetti con valori compresi tra 200 e 239 mg/dl sono considerati borderline. Livelli uguali o superiori a 240 mg/dl sono indicatori di un colesterolo alto soprattutto se accompagnati da un livello di LDL superiore a 100 mg/dl. Dunque per definire un paziente dislipidemico  non occorre guardare solo il valore del colesterolo totale ma occorrerà dare uno sguardo al valore delle LDL e HDL ed eventualmente a patologie associate, come diabete, ipertensione e colesterolemia familiare.

 

Le piante medicinali vengono in nostro soccorso

 Con l’aiuto del vostro medico curante e del vostro farmacista si può tenere sotto controllo la situazione. Infatti, e seconda del caso clinico, si potrà decidere  la terapia più giusta per voi.  In commercio esistono diversi farmaci di sintesi, aventi tutti lo scopo di trattare le dislipidemie e spesso  possono essere associati a piante medicinali. Evidenze sperimentali e cliniche sembrano dimostrare gli effetti benefici di diverse piante:

• l’Aglio (Allium sativum) per le sue importanti attività ipolipidemizzante. Da tempo si è a conoscenza che l’integrazione alimentare dell’aglio riduce lo sviluppo delle placche aterosclerotiche. La fitoterapia attribuisce all’aglio numerose virtù terapeutiche tanto che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità “...può essere usato come adiuvante della dieta nel trattamento dell’iperlipidemia e nella prevenzione dell’aterosclerosi vascolare e può essere utile nel trattamento dell’ipertensione di tipo lieve”. Il maggior responsabile di questa azione è l’allicina e in letteratura non esistono casi di tossicità di quest’ultima. L’unico problema, oltre all’alito pesante, può essere a livello gastrico.

• il Carciofo (Cynaria scolymus) si rende prezioso diminuendo la sintesi di colesterolo e di trigliceridi. L’uso della pianta è però sconsigliato nel caso di occlusioni biliari e nell’allattamento: sembra ridurre la lattazione.

• il Biancospino, che oltre alle sue ben note attività ipotensive, sedative e antispasmodiche, previene l’aumento della colesterolemia.

• la Garcinia, usata da tempo nel trattamento della riduzione del peso corporeo in soggetti in sovrappeso e obesità, ha dimostrato una attività ipolipemizzante oltre che ipoglicemizzante.Non esistono casi di tossicità in letteratura.

• il Guggul (Commiphora mukul), arbusto dalle diverse proprietà farmacologiche, conosciuto come pianta della mirra. Possiede infatti attività antinfiammatoria, antiaterosclerotica ed è in grado di ridurre le LDL e aumentare le HDL.

• il Lievito Rosso (Monascus ruber o purpureus) che, prodotto dalla fermentazione del riso ad opera di un lievito, è in grado di prevenire dislipidemie. È spesso consigliato ai pazienti con intolleranza alle statine (farmaco di sintesi).

• l'Olivo (Olea europea): la tradizione fitoterapica attribuisce alle foglie dell’olivo diverse proprietà  fra cui quella di antidislipidemico. Possono essere impiegate come coadiuvanti nel trattamento di dislipidemie lievi. 

 

In commercio esistono diversi prodotti contenenti uno o più rimedi sopra menzionati. Sarà cura del vostro medico e del vostro farmacista farvi luce sui diversi trattamenti e sulle diverse alternative.Ricordate tuttavia che la prevenzione è la migliore arma per mantenere la colesterolemia entro i limiti consigliati.

di Dott.ssa Rossella Schiera (Farmacista)
PARLIAMO DI: colesterolo, fitoterapia

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Ridurre il colesterolo con i rimedi naturali
Ridurre il colesterolo con i rimedi naturali

Fitoterapici e omotossicologia possono aiutarti a riportare i livelli nel..

Dai 20 anni occhio al colesterolo
Dai 20 anni occhio al colesterolo

Non è mai troppo presto per prevenire le malattie coronariche

Stop al colesterolo con le mele
Stop al colesterolo con le mele

Secondo una ricerca americana, una mela (o meglio due) al giorno fa bene..

Gelato al pistacchio contro il colesterolo
Gelato al pistacchio contro il colesterolo

L’azione congiunta di betacarotene, vitamina E e luteina combatte..

Calo del desiderio in menopausa: un aiuto dalla fitoterapia
Calo del desiderio in menopausa: un aiuto dalla fitoterapia

Sette donne su dieci ne soffrono, ma la natura offre molti rimedi, dalla..