I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Efsa: alimenti sono prima fonte esposizione bisfenolo

Efsa: alimenti sono prima fonte esposizione bisfenolo

Gli alimenti sono la principale fonte di esposizione al famigerato bisfenolo A (Bpa), in particolare cibo in scatola, insieme alla carne e ai prodotti a base di carne non in scatola. Ma i livelli di esposizione a questo composto chimico, per tutti i gruppi di popolazione, sono inferiori a quanto stimato in precedenza dall'Efsa, l'Autorità  per la sicurezza alimentare. Questa valutazione rappresenta la prima revisione dell'analisi sui rischi dell'esposizione al bisfenolo A condotta dall'Authority con sede a Parma dal 2006 e riguarda, per la prima volta, sia le fonti alimentari sia quelle non alimentari, comprese la carta termica, l'aria e la polvere. I nuovi dati, sottolineano gli esperti scientifici dell'Efsa, hanno determinato un notevole affinamento delle stime di esposizione rispetto al 2006. Per i neonati e i bambini piccoli (tra i sei mesi e i tre anni) si stima che l'esposizione media tramite la dieta sia di circa 375 nanogrammi per chilogrammo di peso corporeo al giorno, mentre per la popolazione al di sopra dei 18 anni (comprese le donne in età fertile) raggiunge un valore di 132 ng/kg di peso corporeo/giorno. Un confronto dimostra che queste stime corrispondono a una percentuale inferiore all'1% dell'attuale dose giornaliera tollerabile per il Bpa (0,05 milligrammi/kg di peso corporeo/giorno) stabilita dall'Efsa nel 2006. Gli esperti scientifici hanno costatato che l'esposizione al composto chimico tramite la dieta raggiunge i livelli massimi nei bambini tra i tre e i dieci anni, a causa del loro maggiore consumo alimentare in rapporto al peso corporeo. Per tutti i gruppi di età  gli alimenti in scatola, insieme alla carne e ai prodotti a base di carne non in scatola, sono stati individuati quali principali responsabili dell'esposizione al Bpa tramite la dieta. Mentre, per i consumatori di età superiore a tre anni, la carta termica si à rivelata la seconda fonte principale di Bpa dopo la dieta. 

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento