I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Di cosa hai paura?

Sono in tanti a soffrire di disturbi di carattere fisico e interiore, e anche ad aver timore di vivere. Vediamo come affrontare questi disagi con il nostro Coach.

No pagePagina successiva
Di cosa hai paura?

Con la consulenza di Alessandro Cozzolino, Personal Coach

 alessandro.co@me.com

 

Le persone che nella vita non emergono, non hanno successo, non sono felici o quant'altro, in realtà non sono affatto persone sfortunate o svantaggiate. Sono solo persone cha hanno paura. Hanno paura di emergere, di avere successo, di essere felici. Hanno paura di guardarsi dentro e di vedere cosa sono capaci di essere e fare davvero. Hanno paura di conoscersi, di accogliere e accettare le loro inclinazioni naturali. Hanno paura di scoprirsi e scoprire i propri talenti. In parole povere, hanno paura di vivere. Trovano molto più "sicuro" e meno problematico limitarsi a "tirare avanti", a sopravvivere. Tuttavia, sono proprio queste persone quelle più inclini alle malattie, al malessere e ai disturbi di carattere tanto fisico quanto interiore.

La paura è un meccanismo di difesa dell'organismo che si attiva in presenza di un pericolo - reale o immaginario - e si manifesta mediante un'intensa emozione che ci induce alla fuga, alla lotta o all’immobilizzazione. È vera e giustificata se esiste un reale pericolo per la nostra incolumità. Non è giustificata e non è reale se tale pericolo è del tutto immaginario. Ma allora, se il pericolo è immaginario, non lo sarà anche la paura?

Il punto è proprio questo: l'immaginazione. Non quella di tipo disneyiana, fatta di colori, luci e suoni che da generazioni fa sognare grandi e piccini. Ma quell'immaginazione grigia, negativa e distruttiva che corrode l'anima, paralizza il corpo, intossica la mente e inganna i sensi. 

Molti sostengono di aver paura dell'ignoto. Io invece credo che il noto sia di gran lunga più pericoloso. Partire dal presupposto che ciò che non conosciamo sia a priori un pericolo, un problema, un dolore, e pertanto preferire restare fermi e immobili dove si è, rappresenta l'illusione più castrante e malsana che la nostra mente possa mai concepire. Ciò che si conosce già, crea una sensazione di copertura e sicurezza tanto fittizia quanto mutilante: azzera ogni tentativo di esplorazione del nuovo, uccide non solo la speranza di una vita migliore ma soprattutto il desiderio di sperimentare nuove strade, è un freno ad ogni slancio di creatività, di crescita e sviluppo personale, e finisce con l'annientare ogni sorta di volontà di vivere.

Non tutti sanno che il 90% delle preoccupazioni di cui abbiamo paura, non si verifica. Ma lo sanno benissimo le nostre "care" compagnie d'assicurazione.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Le paure che frenano l'amore
Le paure che frenano l'amore

Timori e inibizioni impediscono a molte donne di vivere serenamente i..

Fobie, bisogna intervenire prima che diventino una malattia
Fobie, bisogna intervenire prima che diventino una malattia

Come impedire che le piccole paure, incontrollabili e irrazionali,..

Se la cameretta è popolata da mostri
Se la cameretta è popolata da mostri

Sonni agitati, incubi, risvegli angosciosi: come aiutare il tuo bambino a..