I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Dai pediatri l’allarme: bambini vittime di abusi e maltrattamenti

Dai pediatri l’allarme: bambini vittime di abusi e maltrattamenti

Bambini svogliati, demotivati, che iniziano ad andare male a scuola. Oppure con i segni di qualche “strano” incidente: una frattura, lividi, escoriazioni all’interno della bocca, bruciature ripetute. Sono segnali d’allarme di un possibile abuso in famiglia. In Italia, i bambini e gli adolescenti presi in carico da servizi per il maltrattamento sono circa 100 mila, ma si stima che ve ne siano almeno altri 700 mila non denunciati, a rischio spesso nelle loro stesse case: l’autore dei maltrattamenti in otto casi su dieci è la madre, nel 10% il padre. Spesso è il pediatra, oltre alla scuola, ad accorgersene e segnalare il sospetto ai servizi sociali: il 43% dei pediatri ha segnalato almeno una volta bimbi vittime di abusi o maltrattamenti e in un caso su tre nel corso dell’ultimo anno, come dimostra un’indagine condotta su 300 pediatri dall’Osservatorio Nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza (Paidòss), presentata in anteprima durante l’International Pediatric Workshop, appena concluso a San Pietroburgo. Stando ai dati raccolti, il 90% dei pediatri vorrebbe essere maggiormente aggiornato su cause, diagnosi e cure del maltrattamento minorile, l’80% non si ritiene competente e non conosce bene le leggi al riguardo, il 62% teme di non essere abbastanza tutelato in caso di sospetti non confermati e preferisce delegare agli esperti. Così, il 20% dei pediatri ammette di avere avuto sospetti ma di non averli segnalati nel timore di sbagliare.

“L’infanzia dovrebbe essere “protetta” dai genitori e da chiunque ruoti attorno al bambino – spiega Giuseppe Mele, Presidente Paidòss – ma purtroppo spesso non è così e i casi di abusi, incuria e maltrattamenti non sono così rari come si potrebbe pensare. Nella maggior parte dei casi si tratta di bimbi piccoli, di età fra i 4 e i 6 anni; le femmine sono più spesso vittime di trascuratezza e abusi, i maschi di maltrattamenti. Indicativa anche la presenza di malnutrizione. I pediatri, infine, sollevano le antenne se capiscono che in famiglia la disciplina viene impartita attraverso punizioni corporali o e si rendono conto che i genitori non riescono a fornire dati precisi sul bambino, ad esempio sulla sua nascita e le sue tappe evolutive”. 

 

Abusi e maltrattamenti

L’indagine, che è stata condotta su pediatri di famiglia in piccoli paesi e grandi città ed è perciò rappresentativa della situazione nazionale, ha coinvolto medici con un’esperienza media di almeno 16 anni, professionisti in grado di valutare le problematiche relative al maltrattamento/abuso in età pediatrica. Eppure, gli specialisti ammettono di non saperne abbastanza: quasi il 60% non ha mai segnalato abusi, in controtendenza rispetto al resto del mondo dove le segnalazioni sono in aumento grazie a una sempre maggiore consapevolezza del fenomeno.

“Due pediatri su dieci – osserva Mele – ammettono di essersi trovati a sospettare un caso di abuso senza però averlo segnalato per paura di sbagliare: questo deriva soprattutto dalla mancanza di informazioni sull’argomento, visto che il 76% dei pediatri non ha mai frequentato corsi di aggiornamento sui maltrattamenti e appena uno su tre ha letto articoli sul tema. Acquisire maggiori certezze potrebbe anche aiutare i pediatri a non avere più paura e indicare con maggior sicurezza i casi dubbi: l’80% si sente a disagio nel parlare con le famiglie di bambini maltrattati, il 62% teme di non essere tutelato abbastanza in caso di segnalazioni non confermate”, segnala lo specialista.

 

La soluzione? Migliorare la formazione dei medici sul tema

“Il pediatra è una ‘sentinella’ della salute del bimbo e può sospettare casi di maltrattamento da molti indizi: dobbiamo aumentare le sue conoscenze in materia perché possa decidere se e come sporgere una segnalazione in modo sempre più preciso, puntuale ed efficace. A maggior ragione oggi che, per colpa della crisi economica, sono sempre di più i minori che vivono in condizioni di indigenza e di deprivazione sociale, situazioni in cui abusi e maltrattamenti sono purtroppo più probabili. Salvare un piccolo dagli abusi è indispensabile, perché le ripercussioni sono gravi e possono avere effetti negativi su tutta l’esistenza del bambino: un minore vittima di abusi e maltrattamenti sarà più spesso un adulto problematico, che un giorno potrebbe replicare sui propri figli gli stessi comportamenti. In una sua recente comunicazione – prosegue Mele – il Garante per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza ha affermato, in merito alle indagini sui maltrattamenti avviate nel nostro Paese, che “il primo urgente obiettivo è arrivare a procedure standard di registrazione dei casi e a una omogeneità dei sistemi di classificazione”. L'indagine di Paidòss vuole perciò essere una testimonianza concreta, per avviare una formazione che renda omogenei ovunque comportamenti utili a far emergere il fenomeno dei maltrattamenti sui minori in Italia”, conclude lo specialista. 

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
L'identità femminile nasce dal rapporto con la propria madre
L'identità femminile nasce dal rapporto con la propria madre

Un legame viscerale ricco e complesso quello tra una madre e la sua..

Gli sculaccioni non sono educativi per i bambini
Gli sculaccioni non sono educativi per i bambini

Per aiutarli a crescere non servono le punizioni, ma regole chiare,..

Come appassionare i bambini alla lettura
Come appassionare i bambini alla lettura

Fin dai primi mesi puoi stimolarne creatività e immaginazione leggendo..

Pranzare in famiglia per non ingrassare
Pranzare in famiglia per non ingrassare

I bambini che condividono i pasti coi genitori avrebbero meno..

Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?
Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?

Le buone maniere vanno insegnate subito, a partire dai tre anni. Quali..

Sei una mamma-dipendente?
Test - Sei una mamma-dipendente?

Il legame con tua madre condiziona ancora la tua esistenza e le tue..

Chirurgia estetica maschile: favorevole o contraria?
Test - Chirurgia estetica maschile: favorevole o contraria?

Come ti comporteresti se il tuo lui si candidasse per un intervento di..

Lavoro e famiglia. Riesci a conciliarli?
Test - Lavoro e famiglia. Riesci a conciliarli?

Scopri se sei capace di armonizzare la vita lavorativa con gli aspetti..