I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Come lavare frutta e verdura, pensando alla salute

Bicarbonato, aceto o candeggina? Le regole per il lavaggio corretto.

Come lavare frutta e verdura, pensando alla salute

Frutta e verdura dovrebbero sempre trovare un posto sulla nostra tavola. Ma come avere la certezza di non aver esteso l’invito anche a batteri e residui di pesticidi?

Scegliere alimenti di agricoltura biologica è un valido metodo, ma non sempre è possibile farlo. In tutti i casi, anche i cibi bio hanno bisogno di un lavaggio adeguato.

 

Detergenti a base di candeggina

I detergenti a base di candeggina sono considerati il non plus ultra della pulizia e dell’igiene. Tuttavia, non sono liberi dagli effetti collaterali: possono causare la perdita di alcune vitamine. Un risciacquo troppo sbrigativo può lasciare sulla superficie degli alimenti residui di detergente, dannoso quanto i pesticidi e i batteri.

Se ritieni di non poter fare a meno dei detergenti, usali diluiti in una bacinella d’acqua dove lascerai la frutta in ammollo, poi procedi con un accurato risciacquo sotto l’acqua corrente per essere certa di averne eliminato ogni traccia.

 

Aceto o bicarbonato?

L’aceto è un buon antibatterico, ma solo in determinate dosi. Inoltre, non è indicato per la frutta porosa: potrebbe alterarne il sapore. Per un lavaggio più "ecologico" si consiglia l’utilizzo del bicarbonato, che tuttavia non ha un’azione disinfettante. Per essere certi di aver eliminato tutti i residui di pesticidi è meglio strofinare bene la frutta con una pastina di bicarbonato. Per realizzarla basta inumidire in una bacinella due cucchiai di bicarbonato con l’equivalente di acqua.  

 

Attenzione alla Toxoplasmosi

Il rischio di Toxoplasmosi è un pericolo per le mamme in gravidanza, costrette a usare una particolare attenzione nel maneggiare i cibi crudi. Questi gli accorgimenti che permetteranno di eliminare la presenza del parassita:

  • Lavarsi bene le mani dopo aver toccato la carne cruda,
  • Sbucciare la frutta sbucciabile,
  • Lavare con attenzione frutta e verdura, strofinando la buccia dei frutti da risciacquare poi sotto acqua corrente.

 

E la verdura confezionata?

Seppure le verdure confezionate sono state lavate all’origine, è sempre bene quantomeno risciacquarle prima di portarle in tavola. La condensa che si crea nelle buste durante il trasporto, può alterarne il sapore e basta uno sbalzo di temperatura perché compaiano nuovamente i batteri. 

Non lavare mai la verdura prima di conservarla in frigorifero, in questo modo aiuteresti solo il proliferare di germi. Quando stai per consumare un frutto, elimina con attenzione la parte danneggiata o tagliata: è proprio lì che si possono annidare le muffe.

di Marianna Abbate

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Gravidanza serena over 35
Gravidanza serena over 35

Con l’età aumenta anche il rischio di complicazioni per le gestanti,..

La dieta ideale di Rosanna Lambertucci (terzo mese)
La dieta ideale di Rosanna Lambertucci (terzo mese)

Continua il programma alimentare che vi farà perdere fino a 5 chili in..

Mamme over 50
Mamme over 50

Quali sono le difficoltà di una gravidanza in età avanzata

Nucleare e salute: niente rischi per l’Italia
Nucleare e salute: niente rischi per l’Italia

Rafforzati i controlli sui prodotti di origine animale e non, in arrivo..

TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?
Test - TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?

Sei sicura di bere a sufficienza? Fai il test e scegli l’acqua più..