I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Aerosol: come scegliere le acque termali

Le goccioline d’acqua vaporizzate sono il mezzo più efficace per veicolare principi attivi fino alle mucose. Dagli apparecchi più nuovi ai prodotti efficaci per l’uso domestico.

Immagine successiva
Aerosol: come scegliere le acque termali

Con la consulenza del dott. FRANCO FURIA, specialista in idrologia medica, master universitario in medicina termale.


Puntuali con la stagione fredda, tornano i classici acciacchi e malanni di stagione: anche quest’anno molti italiani si ritrovano alle prese con raffreddori, bronchiti e la temuta influenza stagionale. Se terapie farmacologiche, riposo e rimedi della nonna aiutano a contrastare i sintomi e i piccoli fastidi di stagione, non va certamente sottovalutato l’importante ruolo giocato dalla prevenzione e dalla cura con le terapie termali che è possibile fare anche a casa. 

Affiancate alle tradizionali cure, consentono di difendersi al meglio dall’attacco degli aggressivi batteri e virus invernali e sono un efficace trattamento di molte patologie delle vie aeree. Stiamo parlando delle malattie di naso e gola, come riniti, faringiti, sinusiti; dell’orecchio, come otiti con ipoacusia, ossia ridotte capacità uditive; dell’apparato bronchiale, come le bronchiti così diffuse d’inverno. Le modalità di somministrazione della terapia nelle vie aeree sono diverse e comprendono essenzialmente l’uso di nebulizzatori per aerosol terapia, di aerosol predosati, di acque per lavaggi nasali.

 

Combatti il raffreddore

In caso di raffreddore o mal di gola, è ideale procedere con irrigazioni e aerosol al mattino e alla sera: i benefici dovrebbero durare più o meno per tutta la giornata. Riguardo alle forme croniche come riniti, faringiti, laringite, bronchite le finalità della cura sono sempre quelle di favorire l’eliminazione delle secrezioni (effetto mucolitico) e di ridurre a distanza la loro produzione riducendo i fastidiosi sintomi provocati da questi disturbi. Le cure termali sono valide alleate dell’antibiotico-terapia perché stimolano i meccanismi naturali di difesa di cui l’organismo dispone. Si registra, infatti, un aumento delle difese immunitarie. Sono consigliabili due-tre cicli all’anno della durata di 10-12 giorni ciascuno.

 

Acque sulfuree curative

La terapia inalatoria a casa è consigliabile, oltre che negli episodi acuti, come mantenimento dopo un primo ciclo alle terme o nei casi in cui non è proprio possibile fare una cura presso un istituto termale. Le indicazioni sono quelle classiche della terapia inalatoria con acqua sulfurea, molto ricca di minerali e caratterizzata da un elevato contenuto di zolfo, ma anche di calcio e sodio. Questa composizione è particolarmente indicata per curare le forme infettive e infiammatorie caratterizzate dalla presenza di molte secrezioni catarrali. Riguardo alle forme acute ricorrenti, l’azione è soprattutto di tipo preventivo. Le acque sulfuree salso-bromo-iodiche sono capaci di intervenire sia sulla produzione di muco (azione mucoregolatrice) sia sulla sua fluidificazione (azione mucolitica). E, a differenza dei farmaci veri e propri, lo zolfo somministrato per via inalatoria agisce in tempi brevi e direttamente sulle secrezioni; inoltre, non ha gli effetti collaterali causati dai farmaci, soprattutto se usati in dosi non corrette, quali raucedine e abbassamento di voce. Un altro importante obiettivo raggiunto dalle terapie termali nelle forme croniche è quello di prevenire le fasi di riacutizzazione del problema.

1 2 3 4 5 6

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (4/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Come difendersi da virus e batteri

Autobus, metrò e locali pubblici: attenzione all’igiene

Le acque termali curative

Guarire con fanghi, vapori odorosi e acqua, ma attenzione a scegliere..

Raffreddore: quel piccolo disturbo che ci mette ko

Per alleviarne i sintomi sono sempre consigliati i cari vecchi suffumigi

Influenza A: dobbiamo preoccuparci?

Nessun allarme, ma è importante la vaccinazione per le categorie a..

I farmaci per il raffreddore? Inutili

Risparmiate i soldi: le ricerche non confermano l’efficacia delle..