I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Il respiro della vita

Con la terapia craniosacrale basta un tocco leggero per favorire le capacità di autoguarigione del corpo

No pagePagina successiva
Il respiro della vita

Apparentemente l’operatore craniosacrale non fa nulla: niente massaggi, nessuna manipolazione e neanche torsioni o picchettamenti, appoggia solo delicatamente le mani sulla testa e lungo la schiena. Eppure chi si sottopone alla terapia riferisce grandi benefici: il corpo acquisisce maggiore elasticità, i dolori articolari si alleviano, l’insonnia diventa un brutto ricordo, anche alcuni tipi di emicrania sembrano scomparire. Non è magia: il terapeuta entra in contatto e stimola, con il suo massaggio lieve, il ritmo craniosacrale.

 

Una respirazione profonda

Alla base di questa tecnica, inventata negli anni Trenta dall'osteopata americano William Garner Sutherland, sta la scoperta che nell’uomo, e in tutti gli animali dotati di cervello e midollo spinale, esista un sistema respiratorio primario, il cui ritmo è dato dai micromovimenti delle ossa del cranio. La scatola cranica non è dunque una struttura rigida, ma si contrae e si espande ritmicamente, al passaggio del fluido cerebro-spinale, o liquor. Il liquor è contenuto nella Pia madre, la membrana più esterna che ricopre il cervello e il midollo spinale, arrivando fino a rivestire l’osso sacro. Propagandosi in tutto il corpo, il liquor provoca un movimento leggerissimo, sia in corrispondenza delle ossa del cranio e della colonna vertebrale, sia nelle parti periferiche del corpo attraverso la fascia connettivale. Quando questo circuito subisce alterazioni o restrizioni, insorge un malessere, fisico o psichico, nell’organismo. Il terapeuta interviene, innanzitutto ascoltando con le mani quanto accade nel corpo del paziente, poi accompagnando il ritmo, correggendolo o bloccandolo, a seconda della situazione. Il suo tocco leggero, mai superiore ai 5 grammi di peso, incoraggia il corpo ad attivare le risorse innate nella ricerca dello stato di salute, che Sutherland definiva “respiro della vita”.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
Ultime dal forum Medicine Complementari
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Leggere a letto è piacevole, ma attenti alla posizione
Leggere a letto è piacevole, ma attenti alla posizione

Comode e rilassate, ma alcune posture possono provocare dolori, in..

Mal di schiena come evitarlo
Mal di schiena come evitarlo

Cinque consigli pratici per limitare i danni

La bioginnastica per ritrovare l’equilibrio e l’energia
La bioginnastica per ritrovare l’equilibrio e l’energia

Con questa tecnica puoi eliminare le posture scorrette tipiche del..

Un mix di tradizione e modernità per le danze più coinvolgenti
Un mix di tradizione e modernità per le danze più coinvolgenti

Dall’India all’Andalusia, dalle Antille al Nordafrica: ritmi,..

Per la malattia di Parkinson è importante una diagnosi precoce
Per la malattia di Parkinson è importante una diagnosi precoce

In costante aumento, oggi fa la sua comparsa prima dei cinquant’anni