I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Mal di schiena? Sottoponiti a un ciclo di Rolfing

Questa disciplina olistica, che spopola negli Usa, agisce sul tessuto connettivo per correggere gli errori di postura ed eliminare dolori a carico della colonna vertebrale

No pagePagina successiva
Mal di schiena? Sottoponiti a un ciclo di Rolfing

Vuoi dire addio al tuo mal di schiena? Con il Rolfing - che negli Usa sta soppiantando il Pilates e ora comincia a diffondersi anche in Italia -  adesso puoi farlo.

La tecnica prende il nome dalla sua fondatrice, la dottoressa Ida Pauline Rolf, una biochimica americana, che scoprì che la forma e la struttura del corpo potevano essere cambiate più di quanto si pensi, sfruttando la plasticità dei tessuti connettivi. Oggetto dell'azione di questa disciplina olistica è proprio il tessuto connettivo del corpo umano, in particolare le fasce che avvolgono muscoli e organi, e la sua capacità di risposta all’energia applicata, in termini di pressione, calore, movimento.

 

Come agisce

Il ciclo di Rolfing, che deve essere eseguito da un Rolfer certificato (puoi trovare quello più vicino alla tua città consultando l'elenco completo regione per regione sul sito www.rolfing.it) dura dieci sedute di un'ora ciascuna, da tenersi a distanza quindici giorni l'una dall'altra. Durante la seduta viene effettuata una manipolazione del tessuto connettivo (più lenta e profonda di un massaggio) e  il paziente rieducato a un movimento fluido e corretto. Il risultato finale è una maggiore armonicità, un aumento dell'elasticità e un miglior controllo dell'apparato locomotore.

Il Rolfer dedica del tempo a un colloquio preliminare con chi si sottoporrà al ciclo delle dieci sedute e osserva il corpo della persona in posizione eretta e in movimento nello spazio, per “leggerne” le principali caratteristiche. Solo dopo essersi informato se il paziente soffre di malattie all'apparato motorio, manipola il tessuto connettivo con le dita, le mani e le nocche e registra, con fotografie, l'impatto del trattamento sulla postura. Attraverso il massaggio intensivo, corregge errori della postura in modo che le articolazioni riacquistino i movimenti naturali, e che gli indurimenti nei tessuti si sciolgano.


Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
Ultime dal forum Medicine Complementari