I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Cervello giovane, a tutte le età

Corretta alimentazione, attività fisica, mente allenata: i tre pilastri indicati dal “guru della longevità” Valter Longo

Cervello giovane, a tutte le età

 

Mens sana in corpore sano (letteralmente: mente sana in un corpo sano). Parole sante, potremmo dire oggi. L’antico motto latino sembra infatti trovare riscontri in recenti studi scientifici secondo cui, se si vuole avere una mente giovane, anche in età matura, è necessario curare prima di tutto il proprio corpo. Come? Attraverso l’alimentazione, l’attività fisica e, dulcis in fundo, alcuni esercizi che aiutano il cervello a rimanere sempre “elastico”.

La nuova ricerca in merito è opera dello scienziato Valter Longo, inventore della dieta mima digiuno (MDM), un regime alimentare vegetariano-pesceteriano che riduce i fattori di rischio e i biomarcatori di invecchiamento, oltre che i fattori di rischio di diabete, cancro, malattie cardiovascolari e neurodegenerative. È stato proprio lui, il “guru della longevità”, così come lo ha definito qualche tempo fa il prestigioso Time, a rivelare i passi fondamentali per contrastare l’insorgenza di malattie neurodegenerative, quali l’Alzheimer. Tuttavia, precisa Longo, “lo scopo di queste strategie non è curare l’Alzheimer, ma solo tentare di ritardarne l’insorgenza di 5-10 anni”.

 

Sì a pesce, camminate e giochi elettronici

Via libera – secondo il biochimico italiano – alla lettura, ai puzzle e ai giochi elettronici, che migliorano le funzioni cognitive; a un’alimentazione ricca di pesce, con il suo importante apporto di omega 3, omega 6 e vitamina B12. E ancora, sì al caffè, ma con moderazione – non più di 3 o 4 tazzine al giorno –, all’olio di cocco, 40 ml al giorno, e a quello di oliva, ricco di grassi monoinsaturi. Utili alla causa, anche noci, mandorle e nocciole: ne bastano infatti pochi grammi al giorno per ottenere un miglioramento delle funzioni cognitive. Semaforo verde, infine, per frutta e verdura di stagione e, con parsimonia, anche per vino rosso, olive, pecorino e formaggio feta. Assolutamente da evitare, invece, gli alimenti di origine animale (carne rossa, burro, formaggi, latte intero, salumi) ricchi di grassi saturi o trans, zuccheri e farine raffinati, e prodotti industriali.

“L’elisir di lunga vita” – secondo le ricerche – passa anche attraverso una vita sociale intensa, fondamentale per contrastare l’insorgenza della depressione, che è all’origine dell’Alzheimer, e una costante attività fisica aerobica, come corsa o nuoto, in grado di migliorare le funzioni cognitive.

PARLIAMO DI: Valter Longo, Alzheimer

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (2/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
Ultime dal forum Medicine Complementari