I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Prodotti naturali: ok, a patto di informarti su ingredienti, etichette...

Tè, corbezzolo, Ginseng, Papaya, Quinoa, Aloe vera: dalla natura i rimedi, e gli integratori, per il benessere. Ma conosciamo realmente ciò che assumiamo? Dallo specialista botanico, le istruzioni per l’uso corretto, anche delle creme anti-aging.

Immagine successiva
Prodotti naturali: ok, a patto di informarti su ingredienti, etichette...

Con la collaborazione del Professor Mauro Serafini, Ordinario di Biologia Farmaceutica dell’Università “Sapienza” di Roma. Dal 2011 è l'esperto italiano nel Progetto BELFRIT (armonizzazione delle Liste delle piante ammesse negli integratori alimentari di Francia, Belgio, Italia).

 

Quante volte al supermercato abbiamo acquistato un prodotto perché sulla confezione campeggiava, ammiccante, la scritta: “contiene principi di origine naturale”. Si sa, in un’epoca in cui tanto è artificiale, ciò che viene servito con questo aggettivo può fare la differenza. Se poi la merce è accompagnata dalla promessa di offrire benefici alla salute, ecco qua che il gioco è fatto. La natura ci offre le soluzioni: c’è il rimedio contro la stitichezza, quello per dormire meglio, uno per tirarci su. Sta a noi però non cadere in alcune trappole. Non si tratta di distinguere fra un prodotto scarso e uno di valore. Questo dovrebbe essere all’origine di ogni acquisto. Piuttosto dovremmo leggere con attenzione le etichette, sapere i vari ingredienti che lo compongono e come sono stati preparati. La legislatura al riguardo, nazionale e comunitaria, per fortuna ci viene in aiuto. Per tutti i prodotti è obbligatorio indicare la provenienza e la modalità di trattamento, la quantità e la qualità degli ingredienti. Ma anche se da questo punto di vista possiamo stare tranquilli, quanto conosciamo del potenziale di ciò che portiamo a tavola? Abbiamo chiesto al professor Mauro Serafini, botanico, ordinario di Biologia Farmaceutica dell’Università “Sapienza” di Roma, di illustrarci alcuni esempi tratti dalla quotidianità. Alcuni vi sorprenderanno.

Al via la fotogallery...

 

La doppia vita del tè

Calda bevanda dei pomeriggi invernali e componente per eccellenza delle abitudini inglesi, il tè è conosciuto come una valida opzione meno eccitante del caffè, grazie alla minore quantità di caffeina. Eppure, nel giro di un paio di minuti tutto può cambiare. “Quando prepariamo un infuso, ovvero un’estrazione di tè in acqua, dobbiamo tenere a mente non solo l’effetto finale ma anche il modo con cui arriviamo al risultato”, spiega il professor Serafini. La preparazione di una tazza di tè come molti di noi fanno ogni giorno, è una operazione dal punto di vista chimico, molto complessa: dobbiamo infatti considerare il tempo in cui lasciamo la classica bustina in acqua calda. “Nei primi due minuti – ricorda Serafini - si solubilizzano gli alcaloidi, per cui la bevanda diventa eccitante. Dopo quattro minuti, invece, i tannini si solubilizzano, complessano gli alcaloidi e precipitano in soluzione. Così facendo, abbiamo un’attività di tipo esclusivamente rilassante”. Dobbiamo quindi non accontentarci di una semplice scritta, “Estratto di Camellia sinesi L. ( Kuntze)” (nome scientifico del “tè”), ma anche sapere  come è stato estratto perché a seconda dei tempi, l’attività potrebbe essere diversa”, ribadisce il professore della Sapienza. Puntando poi l’attenzione sui tannini, questi nell’ambito del tè sono importanti per la loro azione antiossidante di altre molecole. Ad esempio, “è noto che tra i vari tipi di Tè (nero, bianco, verde) esistano differenze nel contenuto di queste molecole: il tè verde è quello che ne contiene le quantità maggiori”.

 

di Elisabetta Gramolini


1 2 3 4 5 6 7

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Scegli le piante giuste per la tua casa

Assorbono le tossine e in più regalano energia e perfino buonumore

Secondo la teoria della Signatura Rerum, le piante curano gli organi a cui somigliano

Quali sono i rimedi alimentari secondo questa filosofia della Natura

Cervicale: le cure dolci e i rimedi naturali

Traumi, postura scorretta e contratture: la cervicalgia comincia da lì...

Piante medicinali: non tutto ciò che è naturale è sempre salutare

Si tratta di farmaci vegetali e come tali è bene conoscere i possibili..

Rimedi naturali per i dolori invernali

Dalla natura gli antidolorifici per alleviare i tormenti di chi soffre..

Obiettivo corpo perfetto
Strumenti - Obiettivo corpo perfetto

Sei una sportiva o ti accontenti di mantenere il tuo peso forma stando..

Conosci il tuo ascendente?
Strumenti - Conosci il tuo ascendente?

Trova il tuo ascendente, ovvero il segno zodiacale che si è alzato..

Scopri come raggiungere il tuo peso forma
Strumenti - Scopri come raggiungere il tuo peso forma

Vuoi sapere il tuo peso forma e quanti chili devi perdere per ottenerlo?..

Il tuo intestino è un po’ pigro?
Test - Il tuo intestino è un po’ pigro?

Non ne parli per imbarazzo, ma anche perché non sai da che parte..

Sei combattiva o fatalista?
Test - Sei combattiva o fatalista?

Sei convinta di poter esercitare un controllo sugli eventi e di poter..

Sei a rischio osteoporosi?
Test - Sei a rischio osteoporosi?

Dal recente congresso mondale sull’osteoporosi è emerso che le donne..

Ti piacciono le feste di Natale?
Test - Ti piacciono le feste di Natale?

Si avvicinano le feste con il loro carico di emozioni, aspettative,..

Quanto conta la prima impressione per te?
Test - Quanto conta la prima impressione per te?

Al momento fatidico dell’incontro, sei preoccupata per il tuo (e il..