I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Omeopatia: prevenire l’invecchiamento con la medicina dolce

Da cosa dipende l’invecchiamento? Scopriamolo insieme e analizziamo le diverse tecniche di medicina naturale che possono aiutarci nel combatterlo

Omeopatia: prevenire l’invecchiamento con la medicina dolce

La medicina anti-aging si occupa della prevenzione dei processi di invecchiamento. Stando a quanto suggeriscono gli esperti, i punti chiave per un "invecchiamento di successo" si  focalizzano su  una cura preventiva che dovrebbe avere inizio dai 35 anni, centrata sulla regolazione dei disturbi del sonno, sulle alterazioni ormonali della donna in pre menopausa e menopausa, sulle disfunzioni tiroidee, sugli squilibri ormonali sui metodi per contrastare lo stato di infiammazione cronica.
"Accanto all’età anagrafica è possibile infatti determinare una età biologica che può differire fino 15 – 18 anni rispetto all’età anagrafica", spiega il professor Osvaldo Sponzilli, Direttore dell’Ambulatorio di Medicina Anti Aging, Omeopatia e Agopuntura presso l’Ospedale San Pietro FBF di Roma, nonché Docente Università Tor Vergata a Roma. “L’età biologica è determinata attraverso vari test ed analisi, che comprendono otto settori della biologia umana e che in ordine di importanza sono: mentale, immunitaria, ormonale, cellulare, cardiovascolare, antropometrica, muscoloscheletrica e cutanea".


Da cosa dipende l’invecchiamento
"I fattori di invecchiamento per un 25% dipendono dal privilegio genetico, cioè dalla genetica individuale, e per un buon 75% alle abitudini di vita. L’eccesso calorico e la frequente resistenza insulinica sono cause dell’avanzare dell’età biologica, insieme allo stress mal gestito, al fumo, all’inquinamento e alle radiazioni ionizzanti. Per quel che riguarda  l’invecchiamento cutaneo, che è il più visibile, intervengono sia fattori fisiologici legati al tempo come il crono-aging, sia fattori legati all’esposizione solari degli UVA A che scompaginano la matrice collagene del derma provocando danni da foto-aging, sia il cambiamento menopausale del sesso femminile, che determina l’ormonal-aging”, dice Sponzilli che dal 4 febbraio terrà una serie di incontri gratuiti sul tema delle "Vie del benessere" patrocinati dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Trevignano Romano (Roma), presso il centro culturale "La Fontana".


Medicine naturali
Sulla perdita di fibre collagene di fibroblasti e di acido ialuronico, che si verifica con il procedere degli anni e che determinano perdita della rotondità dei lineamenti del volto, insieme a rughe e perdita di elasticità e tono, si può intervenire in vario modo attraverso la biostimolazione, la biorivitalizzazione e la cosmeceutica fitoterapica. "La medicina dolce si è inserita egregiamente nel settore anti-aging con l’utilizzo di integratori, fitoterapici, omeopatici e con il lifting mediante agopuntura. La biostimolazione dermica è una tecnica della moderna medicina anti-aging che consente di correggere gli inestetismi che lo scorrere del tempo imprime sulla pelle del nostro viso. La tecnica di biostimolazione viene considerata un trattamento estetico soft, l’introduzione del prodotto omeopatico avviene per via intradermica con micropunture effettuate nei punti di agopuntura cinese e nelle zone ove necessita una maggiore riduzione delle rughe; consiste nell’infiltrare le zone centrali del viso, cioè le zone di partenza del sistema linfatico. Lo scopo della biostimolazione è quello di restituire alla pelle compattezza, tono, elasticità e migliorare la rugosità attraverso la stimolazione dei fibroblasti (le cellule che producono collagene, elastina, acido ialuronico). La biostimolazione prevede un programma di ringiovanimento su i tre i livelli cutanei: epidermide (lo strato più superficiale), derma (lo strato intermedio) e ipoderma (lo strato più profondo). In medicina dolce si usano rimedi omeopatici diluiti e dinamizzati ed estratti d’organo quali placenta, amnios, funicolo ombelicale e tessuto connettivo, sempre diluiti e dinamizzati al fine di stimolare i fibroblasti e la matrice dermica", conclude il professore.

di Roberta Maresci

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Video - Eliminare le macchie scure della pelle

Rosanna intervista il dottor Paolo Mezzana

L’equilibrio della pelle

Con i prodotti giusti e l’aiuto del make up, puoi ridurre il problema..

Il fumo è nemico della pelle

Nuove ricerche dimostrano la relazione tra sigaretta e acne..

Pelle sensibile? Ecco come proteggerla

L’epidermide delicata deve essere aiutata a fronteggiare lo stress..

Settanta ricette gustose per avere una pelle sempre giovane

In questo libro, scritto da Lorella Cuccarini e due dermatologhe, i..