I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Garcinia: la pianta dimagrante

Un aiuto naturale per bruciare i grassi e trasformare gli zuccheri in energia

Garcinia: la pianta dimagrante

Arriva dall’Indonesia, ed è una pianta dalle spiccate proprietà dimagranti, utile da assumere come integratore nelle diete per facilitare la perdita di peso. Si chiama Garcinia cambogia, il suo nome scientifico è Garcinia gumma gutta. Diciamo, comunque, che non si tratta della pianta dei miracoli (non ne esistono!): come sempre, per ottenere buoni risultati e tornare in forma, è importante seguire un’alimentazione equilibrata abbinata ad attività fisica.

 

Perché fa dimagrire
Nella buccia del frutto, che ha la forma simile a una zucca, è contenuta una sostanza che aiuta a dimagrire: l’acido idrossicitrico (HCA). Si tratta di una molecola che induce dei cambiamenti a livello metabolico. Contribuisce a trasformare gli zuccheri assunti direttamente in energia, anziché trasformarli in grassi. E aiuta a bruciare i depositi di grasso, accelerando il metabolismo. Ma non solo: è utile come integratore nelle diete, perché ha la proprietà di dare un senso di sazietà, per cui aiuta a seguire con maggiori risultati i regimi dimagranti. Riducendo l’appetito si riesce più facilmente a limitare le quantità delle porzioni a tavola e a evitare i peccati di gola, spesso dovuti proprio dal senso di fame.

 

Altre preziose proprietà
• contribuisce ad aumentare i livelli di serotonina (l’ormone del buon umore)
• riduce i livelli di cortisolo (l’ormone dello stress)
• aiuta a diminuire i livelli di colesterolo cattivo nel sangue (LDL)
• accelera il metabolismo

 

Come si assume
La garcinia si assume sotto forma di integratori, di solito presenti in commercio in capsule. La dose giornaliera consigliata va dai 500 mg ai 1500 mg. È bene non superare il dosaggio consigliato. Le capsule vanno ingerite mezz’ora prima dei pasti principali, con abbondante acqua, in modo che l’acido idrossicitrico venga assorbito rapidamente. Altro suggerimento è quello di leggere l’etichetta al momento dell’acquisto: i prodotti migliori sono quelli che contengono il 60% di acido idrossicitrico.

 

Precauzioni ed effetti collaterali
L’impiego di questo integratore è sconsigliato alle donne in gravidanza o che stanno allattando. È bene consultare il medico se si soffre di diabete o si assumono farmaci antipertensivi.

di a.a.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento