I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Come prevenire influenza e raffreddore con l’omeopatia

Dolori diffusi, mal di testa, fastidio generale e naso chiuso, sono i sintomi che accompagnano malesseri di stagione e sindromi simil-influenzali. Ognuno con le sue caratteristiche e suoi i rimedi omeopatici. Medicinali e regole per cura e prevenzione.

No pagePagina successiva
Come prevenire influenza e raffreddore con l’omeopatia

Con la consulenza della dottoressa Laura Raimondo, medico di famiglia esperto in omeopatia a Volpiano (TO)

 

Ci siamo: come ogni anno di questo periodo, repentini sbalzi di temperature e primi freddi autunnali annunciano la comparsa degli starnuti, accompagnati spesso da dolori diffusi, mal di testa, malessere generale e naso chiuso. È arrivata l'influenza? Difficile stabilirlo, perché quando ci si ammala, inizialmente, la distinzione tra influenza, sindrome simil-influenzale o raffreddore è alquanto ardua. Infatti, pur divergendo tra loro per cause, durata, possibili complicazioni e terapia, queste infezioni presentano alcune caratteristiche comuni: sono malattie virali, colpiscono l’apparato respiratorio, si diffondono con estrema rapidità per via aerea, sono in genere più frequenti nei mesi freddi e talvolta possono dare luogo a sintomi non specifici e similari tra loro. Eppure, anche se nella vita quotidiana si tende erroneamente ad accomunarli, nel linguaggio della medicina denotano disturbi ben precisi e differenti tra loro.

 

Influenza, raffreddore e sindromi simil- influenzali: differenze e cure 

Messe a confronto, queste di seguito le principali caratteristiche attribuite ai malesseri stagionali dal Protocollo Operativo Influnet:

 

L’influenza

Per influenza s’intende un’affezione respiratoria acuta causata da virus denominati Orthomixovirus. Si manifesta generalmente tra la fine di dicembre e l’inizio di marzo e può durare anche 2/3 settimane. L’esordio è brusco e improvviso, con febbre superiore a 38°, accompagnata da alcuni sintomi come cefalea, malessere generalizzato, astenia, brividi e da almeno un sintomo respiratorio tra tosse, faringodinia o congestione nasale. Disturbi ben noti agli oltre 5 milioni di italiani colpiti ogni anno da influenza o sindromi simil-influenzali.

Cura omeopatica:

All’affacciarsi dei primissimi sintomi di malessere, i cosiddetti prodromi dell’influenza, propri anche delle sindromi influenzali, come stanchezza improvvisa, spossatezza, difficoltà di concentrazione, sonnolenza, brividi estemporanei etc., l’assunzione tempestiva di Oscillococcinum permette di limitare la durata e l’intensità della malattia. Inoltre, per evitare eventuali ricadute, si consiglia di iniziare, o di continuare, ad assumere una dose alla settimana in via preventiva. Per attuare un trattamento preventivo efficacie, il consiglio della specialista è d’iniziare la cura assumendo una dose alla settimana per tutto il periodo di maggiore esposizione all'influenza e alle sindromi simil-influenzali, ossia dalla fine del mese di settembre, da posticipare al più agli inizi di ottobre, protraendola fino a marzo. L’ideale sarebbe che fosse “modulata” secondo il clima del periodo, posticipando il termine della somministrazione alla fine delle temperature più rigide.

È sufficiente lasciar sciogliere sotto la lingua il contenuto di una dose, lontano dai pasti, circa 5 minuti prima o 15 minuti dopo aver mangiato, ricordando che la bocca deve essere pulita. Per i neonati o i bambini piccoli può essere comodo far sciogliere il medicinale in un po’ d’acqua, somministrandogliela con un cucchiaio o con il biberon.

“Si riconosce una malattia virale da una batterica (che quindi necessita dell’uso di un antibiotico) perché la virosi ha pochissimi altri sintomi oltre la febbre (al massimo c’è una tosse secca o diarrea nel caso di un “influenza intestinale”) mentre una malattia batterica è sempre accompagnata da forte mal di gola, sinusite, oppure tosse catarrosa e comunque manifestazioni diverse dal solo rialzo termico. In questi casi, è bene telefonare al proprio medico che può aiutare a capire”, ammonisce la dottoressa Raimondo.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Influenza A: dobbiamo preoccuparci?
Influenza A: dobbiamo preoccuparci?

Nessun allarme, ma è importante la vaccinazione per le categorie a..

I farmaci per il raffreddore?  Inutili
I farmaci per il raffreddore? Inutili

Risparmiate i soldi: le ricerche non confermano l’efficacia delle..

Raffreddore: quel piccolo disturbo che ci mette ko
Raffreddore: quel piccolo disturbo che ci mette ko

Per alleviarne i sintomi sono sempre consigliati i cari vecchi suffumigi

Piante medicinali: non tutto ciò che è naturale è sempre salutare
Piante medicinali: non tutto ciò che è naturale è sempre salutare

Si tratta di farmaci vegetali e come tali è bene conoscere i possibili..

Gli italiani e l’igiene orale: un rapporto davvero infelice
Gli italiani e l’igiene orale: un rapporto davvero infelice

Trascurano la pulizia dei denti, non conoscono la prevenzione e dal..

Che stile di vita sei
Test - Che stile di vita sei

Lo stile di vita rappresenta l'espressione di noi stessi nel mondo che ci..