I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Ritrovare la creatività con il movimento

Un metodo per mettere in moto corpo e mente, attraverso esercizi fisici, musica ed espressione creativa

Ritrovare la creatività con il movimento

Muoversi, danzare ma anche disegnare o modellare con la creta. Sono gli strumenti usati dal Movimento Creativo metodo Garcia Plevin®. L’obiettivo del corso è quello di insegnare ad ascoltare il corpo, recuperare la disposizione al gioco e sviluppare risorse creative dimenticate e di solito non sfruttate. Il movimento creativo nasce dall’esperienza e formazione di due danzatrici e coreografe: Maria Elena García e Marcia Plevin, psicoterapeuta una e psicologa l’altra.

“Spesso si sentono i genitori apostrofare i propri figli con un “ma cosa ti inventi?”, dice Marcia Plevin. “Questo produce un’interruzione, un blocco. Il metodo riporta a quanto è stato impedito dall’educazione, aiutando a superare la paura della spontaneità. Lo fa attingendo alle ricerche sulla creatività prodotte non solo nell’ambito della danza contemporanea e delle tecniche di movimento, ma anche in altri campi artistici. Corpo e mente, ormai è noto a tutti, sono un continuum: se si modifica uno, si modifica anche l’altro. È su questo principio che si basa il nostro lavoro. Non ci sono esercizi o tecniche da imitare, ma lavori di improvvisazione che aiutano a sviluppare la consapevolezza e portano a entrare in contatto con la propria vita emozionale e il proprio sé più intimo”.

Le lezioni si articolano in tre parti. La prima, il rito, apre la parte sensoriale e percettiva.
“In questi 20 minuti iniziali, con musica e movimenti in piedi o a terra sempre diversi, s’introduce il tema creativo della seconda fase, dove grazie all’uso di metafore e oggetti inizia un processo di esplorazione e scoperta. Sull’onda delle emozioni nascono gesti spontanei: è qui che germoglia l’espressione che si realizza nella terza fase, quando si è invitati a usare un mezzo creativo, come la poesia, il disegno o il lavoro con la creta, per comunicare quanto percepito nelle fasi precedenti e portare alla luce ciò che si muove dentro di noi, risvegliando nuove esperienze sensoriali, di immaginazione e di pensiero

Alla base c’è un atteggiamento di ascolto pulito di emozioni, pensieri, immagini che arrivano alla coscienza, senza alcun giudizio o critica. È una relazione sincera e autentica con se stessi che permette di porre in relazione in modo costruttivo le due parti, quella razionale e quella irrazionale. Ascoltare i propri slanci interiori e imparare a elaborarli in un movimento espressivo articolato ci conduce perciò su un cammino di crescita e aumenta la consapevolezza del proprio corpo. Contribuisce al consolidamento di quella che viene denominata, nell’ambito di questo approccio l’arte di essere presenti a se stessi”.

L’Associazione Movimento Creativo ha formato istruttori in tutta Italia.

Per informazioni tel.: 347 /7143878, 06/39727654, www.movimentocreativo.it.

Da leggere “Movimento creativo e danza. Metodo García-Plevin”. Gremese Editore (€ 18,00)

di Carmen Rolle

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
Ultime dal forum Fitness & Sport
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Un mix di tradizione e modernità per le danze più coinvolgenti

Dall’India all’Andalusia, dalle Antille al Nordafrica: ritmi,..