I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Prodotti di bellezza: quando è meglio non sovrapporli?

Con i cosmetici, non sempre l’unione fa la forza. Facciamo chiarezza… per non rischiare la pelle

No pagePagina successiva
Prodotti di bellezza: quando è meglio non sovrapporli?

Sovrapporre, mixare, stratificare. Quando si tratta di cosmetici bisogna usare prudenza, perché non sempre due ottimi prodotti, se sovrapposti, garantiscono risultati equivalenti, a volte possono creare problemi, oppure risultare un’inutile perdita di tempo (e di denaro). E in caso di associazioni a rischio (crema antibiotica e cosmetico, tintura per capelli e trattamenti anti caduta), è meglio chiedere consiglio a un dermatologo. Corinna Rigoni, dermatologa e presidente di Donne Dermatologhe Italia, ci aiuta a scoprire gli abbinamenti che funzionano e quelli che è meglio evitare.

 

Crema idratante e autoabbronzante

NO. Miscelando o sovrapponendo i due prodotti si rischia di ottenere un’abbronzatura non omogenea perché l’idratante, diluendo l’autoabbronzante, interferisce con la copertura omogenea della pelle, indispensabile per ottenere un colore senza striature. Il consiglio? Stendere l’autoabbronzante sulla pelle pulita, meglio se levigata con un gommage, lasciare asciugare bene e, dopo un paio d’ore, stendere l’idratante. In alternativa, stendere l’idratante la sera e l’autoabbronzante la mattina, o viceversa.

 

Fiale “urto” liftanti e crema idratante

SI. È un buon abbinamento: i trattamenti d’urto in fiale solitamente contengono principi attivi tensori dall’effetto liftante immediato ma non hanno un’azione idratante. La crema base è quindi necessaria per apportare idratazione e scongiurare la sensazione “pelle che tira”. È buona norma applicare prima una crema arricchita con urea o acido ialuronico, due attivi dalle spiccate proprietà idratanti, e dopo la fiala.

 

Crema solare e fondotinta

NO. Più che sbagliata è inutile. Esistono in commercio creme solari colorate o fondotinta light protettivi (in crema o compatti), studiati per proteggere dai raggi UV, e resistere al calore, alla sabbia, all’acqua di mare. Levigano la pelle, proteggono e donano un colorito “abbronzato” naturale più adatto alla vita all’aria aperta.

 

Siero antiossidante e crema antiossidante

SI. Ma solo se appartengono alla stessa linea cosmetica  perché il loro utilizzo combinato è stato previsto. Invece, associare due prodotti antiossidanti di marche diverse può essere rischioso. Un esempio? Se i due cosmetici contengono la stessa molecola in alta concentrazione, il rischio è che il dosaggio complessivo dei due prodotti combinati possa risultare troppo alto.

 

Siero alla vitamina C e crema al retinolo (vit. A)

SI. Ma con cautela, soprattutto se la pelle è sensibile, perché si rischia di stressarla accelerando troppo la rigenerazione cellulare. È vero che alcuni cosmetici sono formulati con un complesso di vitamina C + retinolo, ma in questi casi i dosaggi sono calibrati in modo da non irritare la pelle.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
I cosmetici che vengono dai fiori
I cosmetici che vengono dai fiori

Prodotti ad alte prestazioni grazie alle proprietà delle delicate corolle

Quanto durano i cosmetici
Quanto durano i cosmetici

Lo sapevate che anche i prodotti di bellezza hanno una data di scadenza?

Cosmetici, cibo per la pelle
Cosmetici, cibo per la pelle

È un trend in crescita: i nuovi prodotti di bellezza sono realizzati con..