I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Tre anni in un centro estetico finto e si può avere la qualifica

Protesta Confestetica: con la legge attuale, le prostitute che esercitano in sedicenti centri estetici possono ottenere la qualifica di estetista

Tre anni in un centro estetico finto e si può avere la qualifica

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Con la legge in vigore le prostitute possono ottenere la qualifica di estetista dopo tre anni di attività come sedicente lavoratrice di un centro estetico. Lo denuncia Confestetica proponendo un decreto legge urgente. Stando alla legge in vigore (la numero 1 del '90), ''chi oggi si prostituisce per tre anni in un 'sedicente' centro estetico può ottenere la qualifica professionale di estetista senza dover neanche passare da una scuola professionale'' spiega l'associazione. Nel caso, poi, che la prostituta volesse mettersi in proprio per non restare più dipendente, ''le basterebbe - spiega ancora l'associazione - frequentare solo 300 ore di un corso integrativo, per poter aprire un nuovo bordello sotto le mentite spoglie del centro estetico. Sarà questo il motivo per cui questa categoria è tanto bistrattata e vituperata? Di fatto, sono all'ordine del giorno le cronache sui media nazionali e locali di grossi giri di prostituzione scoperti in finti centri estetici e di benessere''. La Confederazione nazionale degli Estetisti, Confestetica, ha elaborato in questi giorni un documento per invitare i ministri, maggioranza e opposizione, ad approvare in via d'urgenza ''un indispensabile'' decreto legge sui requisiti per ottenere la qualifica di estetista con sanzioni pecuniarie per gli abusivi e per i loro clienti. Il documento, spiega Confestetica, ''è basato soprattutto sulla necessità di tutelare la salute di quei migliaia di clienti che, a loro insaputa, potrebbero affidare il proprio corpo e la propria pelle nelle mani di persone incompetenti, senza scrupoli, e persino prive di un titolo professionale idoneo. Il fenomeno dell'abusivismo è allarmante, con oltre centomila operatori che fatturano tre miliardi di euro sui quali non viene pagato un centesimo di tasse''. (ANSA).

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Come tornare ad amare dopo una separazione?
Come tornare ad amare dopo una separazione?

Quando finisce una storia, si spegne il desiderio sessuale; poi il tempo..

Sei step per essere perfette il giorno del sì
Sei step per essere perfette il giorno del sì

I trattamenti per corpo e capelli da programmare prima delle nozze