I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Bambini troppo vivaci? Impariamo a gestirli

Come comportarsi dinnanzi ai piccoli tiranni e come gestire la loro vivacità

No pagePagina successiva
Bambini troppo vivaci? Impariamo a gestirli

Con la consulenza della dott.ssa M. Cecilia Gioia, psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale

 

Il bambino è una piccola peste? Non sta mai fermo un attimo? Combina sempre guai e non rispetta le regole? Niente paura. Quello della vivacità è un problema che accomuna molti genitori alle prese con figli ingestibili. Bambini esuberanti e capricciosi , che con le loro monellerie ogni giorno ne combinano di tutti i colori. Dinnanzi ai piccoli tiranni e ai loro capricci, non c’è rimprovero o punizione che tenga. Se qualcuno prova a negargli qualcosa, si ribellano, urlano, piangono, strepitano e danno filo da torcere. A casa, così come a scuola. “Vivere con un bimbo estremamente vivace- ci spiega la dottoressa Gioia, psicologa e psicoterapeuta cognitivo comportamentale- non è semplice, a causa dell’esuberanza spesso caotica e imprevedibile dei suoi atteggiamenti. Questo suo modo di esprimersi condiziona inevitabilmente i genitori, gli insegnanti e i compagni, ma anche e soprattutto lo sviluppo cognitivo e comportamentale dei bambini stessi. Spesso si crea un vero e proprio condizionamento sul bambino a causa dei feedback negativi che riceve in risposta alla sua espressiva vivacità. Ci sono bambini, in particolare nell'età della scuola dell'infanzia (3-6 anni) instancabili e curiosi a cui spesso è difficile stare dietro. Un bambino estremamente vivace ha tutti i tratti del temperamento amplificati. È molto sensibile, energetico, motoriamente espressivo e manifesta la gioia e la rabbia con estrema facilità. Le manifestazioni comportamentali che caratterizzano un bambino vivace non sono solo percepite come eccessive, ma presentano una frequenza e continuità elevata, che condiziona la capacità del genitore di trovare un buon equilibrio fra intervenire troppo e intervenire troppo poco”. Ma quali sono i fattori che possono renderlo così incontenibile e in che modo gestire la sua vivacità?

 

Le cause

“Spesso le eccessive stimolazioni derivanti da un numero elevato di attività, le gelosie dovute all’arrivo di un fratellino o di una sorellina, il bisogno fisiologico di muoversi all’aria aperta e la richiesta costante di attenzione possono dare vita ad una serie di manifestazioni comportamentali incontenibili. È importante, come genitore, comprendere questa serie di comportamenti, come la comunicazione di un bisogno, ricordando di dare valore a tutto questo perché espressione libera e senza filtri del proprio bambino. L’accettazione priva di giudizio pone noi genitori in una posizione di accoglienza rispetto a questa particolare esuberanza espressiva del nostro bambino. Infatti attraverso il loro continuo sconfinare, i nostri figli esprimono il bisogno di attirare la nostra attenzione e la richiesta di un maggiore contenimento da parte delle figure genitoriali”.

PARLIAMO DI: bambini, vivacità,

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Bambini al sole: come proteggerli
Bambini al sole: come proteggerli

Alcuni semplici ma fondamentali accorgimenti per preservare i bimbi da..

Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?
Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?

Le buone maniere vanno insegnate subito, a partire dai tre anni. Quali..

Quando il tuo bimbo deve andare in ospedale
Quando il tuo bimbo deve andare in ospedale

Consigli per rendere meno traumatica questa esperienza

Che fare se il tuo bambino prende a testate il muro?
Che fare se il tuo bambino prende a testate il muro?

Un comportamento inspiegabile ma comune con cui il piccolo comunica uno..

I bambini italiani? Mangiano poca verdura
I bambini italiani? Mangiano poca verdura

A Bologna, un corso di due giorni con medici, dietisti e ricercatori per..