I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Bambini e felicità

Come aiutare i nostri piccoli a vivere un'infanzia serena, al riparo da ansie e problemi

Bambini e felicità

Con la consulenza del dottor Giandomenico Bagatin, psicoterapeuta.

Non è con l'iper protezione e mettendoli sotto uno scrigno di vetro che i nostri figli diventano felici. Bensì aiutandoli a cercare le risposte giuste. Lo spiega molto bene nei suoi libri la psicoterapeuta americana Lori Gottlieb: assicurare ai nostri figli un’infanzia felice e senza problemi non è una corretta preparazione a una vita futura serena. E la prova è che, spesso, i genitori che si sforzano al massimo per garantire ai propri figli un’infanzia senza traumi non raggiungono l’obiettivo. Anzi: i loro ragazzini non sono felici e vanno dal pediatra o dallo psicologo per superare il senso di smarrimento causato da tanto confort. 

 

I bambini hanno bisogno di sfide 

"Se desideriamo che i nostri figli siano sicuri ed entusiasti, aiutiamoli a sperimentare la sfida, la lotta e qualche delusione lungo il cammino. Perché così si rafforzano, acquistano autostima e gioia proprio cercando di superare le difficoltà", spiega Giandomenico Bagatin, psicoterapeuta. Certo senza esagerare, è infatti importante mantenere sempre un equilibrio tra i problemi da affrontare e le soluzioni. "Se un bambino è costretto a superare avversità troppo grandi (esempio: un lutto, la separazione dei genitori) da solo non riesce con le sue possibilità a farcela. Ma se condivide un problema con un genitore o un adulto amico che lo sostiene può addirittura trarre forza da questa esperienza. Educare non significa cercare di costruire a tutti i costi un ambiente familiare senza difficoltà, ma lottare insieme ai propri bambini per attraversare il dolore, superarlo, ricavando l’energia giusta per vincere", aggiunge Bagatin. 

 

La felicità che viene dalle fiabe

Il brutto anatroccolo, Cenerentola e tante altre favole in questo senso sono maestre di vita perché evidenziano che tutti i dolori, tutte le difficoltà sono sopportabili, se elaborati e trasformati in qualcosa di diverso, di bello. A questo proposito c’è un enorme equivoco da chiarire: noi esseri umani biologicamente non siamo programmati per essere tranquilli e la felicità non è calma! Ma caos, dinamismo. "La gioia – ricordiamolo – implica movimento, azione, pensiero non è fuga dai problemi", afferma lo specialista. E la felicità nostra e dei nostri figli non va a braccetto con l’iper-protezione, ma con la capacità di porsi domande pertinenti di fronte alle difficoltà: che problema hai? Come pensi di poterlo risolvere? Possiamo affrontarlo passo dopo passo? Di che tipo di aiuto pensi di avere bisogno? L’atteggiamento corretto per apprendere l’arte di diventare felici è quello di abituare i nostri ragazzi fin da piccoli a dire: sono più forte del problema, me la cavo sempre anche perché so chiedere aiuto.

 

Giochi e suggerimenti per diventare gioiosi

Un esercizio che possiamo fare con i nostri bambini è quello di abituarli a disegnare i loro obiettivi, e le tappe per raggiungerli. Usare un foglio di cartoncino 50x70, e dei pastelli colorati. Ricordare che gli obiettivi devono essere semplici e “misurabili” come un miglioramento atletico o scolastico; la messa in sicurezza di una piccola somma per una gita o l’acquisto della chitarra; imparare a cantare nel coro… Insegniamo ai nostri bambini a creare delle piccole azioni, che si possono disegnare sul foglio, dal punto di partenza (a sinistra) verso l’obiettivo (nella parte destra): lo spazio in mezzo rappresenta appunto i passi, le azioni. Si possono attaccare anche foto, immagini, fare piccoli disegni o scrivere parole-chiave… Il tutto colorato e vivace, in modo da dare la percezione quasi fisica che l’obiettivo si sta avvicinando perché la felicità è vicina. 

di Annalisa Bacci

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Bambini al sole: come proteggerli
Bambini al sole: come proteggerli

Alcuni semplici ma fondamentali accorgimenti per preservare i bimbi da..

Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?
Quando i bambini sono maleducati: è sempre tutta colpa dei genitori?

Le buone maniere vanno insegnate subito, a partire dai tre anni. Quali..

Quando il tuo bimbo deve andare in ospedale
Quando il tuo bimbo deve andare in ospedale

Consigli per rendere meno traumatica questa esperienza

Che fare se il tuo bambino prende a testate il muro?
Che fare se il tuo bambino prende a testate il muro?

Un comportamento inspiegabile ma comune con cui il piccolo comunica uno..

I bambini italiani? Mangiano poca verdura
I bambini italiani? Mangiano poca verdura

A Bologna, un corso di due giorni con medici, dietisti e ricercatori per..