I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Bambini con artrite idiopatica: l’altezza perduta si può recuperare

Uno studio internazionale coordinato dal Bambino Gesù segna un nuovo passo avanti per la forma più grave di artrite cronica in età pediatrica, che colpisce 1 bambino su 30 mila, arrivando a bloccare il corretto sviluppo della statura.

Bambini con artrite idiopatica: l’altezza perduta si può recuperare

Nuovo passo in avanti nella lotta all’artrite idiopatica giovanile sistemica, la forma più grave di artrite cronica in età pediatrica, che colpisce 1 bambino su 30 mila, arrivando a bloccare - tra le conseguenze della malattia - il corretto sviluppo della statura. Uno studio clinico coordinato dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù ha dimostrato che è possibile per questi bambini recuperare in modo rapido l’altezza perduta. I risultati della ricerca sono stati appena pubblicati sulla rivista scientifica Arthritis and Rheumatology.   

La sperimentazione, durata 5 anni e conclusasi nei primi mesi del 2015, è stata condotta su 112 piccoli pazienti seguiti in 47 centri di reumatologia Pediatrica, situati in 4 Continenti. Gli studi si sono concentrati sull’inibizione dell’interleuchina-6, una delle molecole-guida dell’infiammazione prodotta in grande eccesso nei piccoli pazienti. Si è dimostrato che non solo si conseguono grandi vantaggi dal punto di vista del controllo della malattia (come da un precedente studio pubblicato sul New England Journal Medicine nel 2012), ma che è anche possibile recuperare l’altezza staturale perduta. Infatti, rispetto al periodo prima del trattamento è stato osservato un incremento di crescita pari, in media, a 3 centimetri all’anno.

 

Il risultato è stato raggiunto grazie ad un cambiamento di strategia. Non più utilizzo di farmaci che applicano una immunosoppressione generalizzata (che cioè inibiscono la risposta dell’intero sistema immunitario) ma adozione di un approccio ‘a target’: per obiettivi. In questo caso, la lotta si conduce solo nei confronti di una delle molecole-guida che produce l’infiammazione.

“Prima del trattamento - spiega il dott. Fabrizio De Benedetti, responsabile di Reumatologia e del Laboratorio di Ricerca di Reumatologia del Bambino Gesù - circa l’80% dei pazienti aveva una crescita ridotta, al di sotto del normale rispetto alla loro età. Durante il trattamento, invece, solo il 15% presentava ancora questa tendenza, mentre in tutti gli altri veniva rilevata una crescita al di sopra del normale. Nel corso della sperimentazione, è stato inoltre dimostrato come i bambini non solo riprendano la crescita normale, ma abbiano addirittura una crescita ‘di recupero’, che permette di riacquistare l’altezza perduta”, sottolinea lo specialista.

Ma non è tutto. “Un’altra buona notizia - spiega il dott.Fabrizio De Benedetti - è che alcuni dei bambini sottoposti a terapia, oltre a mantenere l’artrite in remissione, a un certo punto possono perfino sospendere il farmaco e non ricadere più nella malattia stessa. Questo significa che il sistema immunitario del paziente si ‘resetta’ e torna a funzionare in maniera appropriata. I dati sono ancora preliminari, ma tutto questo deve generare un senso di ottimismo: soprattutto da parte dei genitori. L’artrite idiopatica giovanile in tutte le sue forme, infatti, fino a poco tempo fa era considerata la causa principale di handicap acquisito in età giovanile, mentre ora non lo è più”.

 

Cos’è l’artrite idiopatica giovanile sistemica

Si tratta di una patologia che esordisce tra i 2 e i 6 anni di età, è caratterizzata da febbre elevata quotidiana, eruzioni cutanee e dolori articolari che costringono il bambino a letto. Nella metà dei casi sia i sintomi che la malattia possono durare anni, anche fino all'età adulta. Maggiore è la durata nel tempo della malattia, maggiori sono le deformità articolari che impediscono progressivamente ai bambini di correre o di giocare e possono poi determinare handicap funzionale grave, fino a rendere necessario il ricorso alla sedia a rotelle.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Porpora Trombocitopenica Idiopatica: disponibile un nuovo farmaco
Porpora Trombocitopenica Idiopatica: disponibile un nuovo farmaco

Eltrombopag stimola la produzione di piastrine nei malati di ITP, una..

Progetto “quando cresce un bambino”
Progetto “quando cresce un bambino”

Acqua e un corretto stile alimentare per uno sviluppo sano

Narcisismo: patologia o tratto della personalità?
Narcisismo: patologia o tratto della personalità?

Sentirsi migliori, voler essere al centro dell’attenzione e..

“Race for the Cure”, insieme contro il cancro al seno
“Race for the Cure”, insieme contro il cancro al seno

Il 22 maggio si corre la mini-maratona di solidarietà con le donne che..

Malattia di Gaucher: terapia enzimatica per una vita normale
Malattia di Gaucher: terapia enzimatica per una vita normale

La sostituzione dell’enzima beta-glucosidasi acida può agire..

Sarà maschio o femmina?
Strumenti - Sarà maschio o femmina?

Secondo l’antico calendario lunare cinese si può stabilire con un..

Calcola la data di nascita del tuo bambino
Strumenti - Calcola la data di nascita del tuo bambino

Il regolo ostetrico è uno strumento utilizzato dal ginecologo per..

Sei combattiva o fatalista?
Test - Sei combattiva o fatalista?

Sei convinta di poter esercitare un controllo sugli eventi e di poter..

Eterna ragazzina o adulta responsabile?
Test - Eterna ragazzina o adulta responsabile?

Sei affetta dalla sindrome di Peter Pan e ti rifiuti di crescere? Oppure..

Scopri se sei ipocondriaco
Test - Scopri se sei ipocondriaco

Sei quasi sempre preoccupata per la tua salute? Non fai altro che pensare..

TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?
Test - TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?

Sei sicura di bere a sufficienza? Fai il test e scegli l’acqua più..