I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Baci di dama salati e piccanti

Una frivolezza, dal gusto delicato, ma con sorprendente finale piccante!

Baci di dama salati e piccanti

Tempo di preparazione 20 minuti # Tempo di cottura 15 minuti

 

Ingredienti per 8 persone

  • 100 g di nocciole
  • 150 g di robiola
  • 100 g di farina 0
  • 3 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato
  • 100 g di burro freddo a pezzetti
  • 1 pizzico di peperoncino
  • Cognac
  • Sale e pepe

 

Preparazione

Accendiamo il forno a 180° con funzione statica. Quando il forno è ancora freddo, inseriamo al suo interno una teglia con le nocciole in modo che si tostino, mentre il forno raggiunge la temperatura. Quando la spia del termostato si spegne: le nocciole sono pronte!

Lasciamo che le nocciole si freddino e tritiamole, assieme alla farina, in un robot da cucina, cercando di ottenere una polvere più raffinata possibile. Sempre lasciando le farine all’interno della ciotola del robot con le lame, uniamo il parmigiano e il burro.

Lavoriamo con funzione a intermittenza, cercando di ottenere un composto a briciole. A questo punto, versiamo due cucchiai di cognac e insaporiamo con sale e pepe. Azioniamo nuovamente il robot fino a ottenere un impasto omogeneo.

Formiamo delle palline da 10 grammi circa. Rivestiamo una teglia con carta forno e adagiamoci le palline, distanziandole un po’, per evitare che si attacchino in cottura.

Mettiamo in forno e cuociamo per 12-15 minuti, controllando che non prendano eccessivo colore. A fine cottura, lasciamo che le palline si raffreddino su una grata.

Nel frattempo, lavoriamo la robiola in una ciotolina, assieme al peperoncino. Spalmiamo l’impasto sulla parte piatta di un biscottino (quella che era a contatto con la teglia) e copriamo con un altro biscotto, ottenendo così i baci di dama.

Confezioniamoli, adagiandoli in pirottini di carta decorati, e conserviamoli in frigorifero (nella zona meno fredda) fino al momento di portare in tavola.

 

Una presentazione perfetta

Per avere palline tutte uguali, io uso il porzionatore da melone: recupero un po’ di impasto dalla ciotola e formo le piccole sfere. In alternativa, peso la prima sfera, cercando di farla il più possibile vicina ai 10 grammi precisi, e poi formo le altre palline a imitazione della prima.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
8 marzo, il mondo è delle donne
8 marzo, il mondo è delle donne

Eventi e appuntamenti in giro per l’Italia

Come riconoscere la fame vera da quella psicologica?
Come riconoscere la fame vera da quella psicologica?

Reale o nervosa? Imparare a riconoscere gli stimoli è il primo passo per..