I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Protesi per il seno Pip: le linee guida dell'associazione di chirurghi Aicpe

Un centinaio di chirurghi plastici estetici, hanno studiato a fondo la questione delle protesi. Ecco le linee guida per evitare allarmismi

Protesi per il seno Pip: le linee guida dell'associazione di chirurghi Aicpe

"Non esistono evidenze scientifiche sul fatto che ci siano legami tra le protesi e il cancro" afferma il vice presidente di Aicpe, Mario Pelle Ceravolo, "Anzi, l'incidenza di tale patologia è inferiore a quella che si riscontra tra le donne senza protesi".

"I dati sulla rottura delle protesi sono incerti, in quanto gli studi esistenti sono stati effettuati con metodologie differenti e quindi non comparabili. Proprio per questo, come associazione, ci stiamo attivando per realizzare un nostro studio relativo alle protesi Pip in Italia. La seconda premessa è che i rischi di una seconda operazione sono invece conosciuti. Ogni intervento chirurgico presenta dei rischi, inoltre, molte pazienti sono soddisfatte del loro seno: non c'è certezza che, rioperando senza indicazioni, si avrà un risultato altrettanto buono, senza considerare l'alto rischio di complicazioni".

Linee guida di comportamento, che dovrebbero essere adottate da tutti i medici
Spiega Pelle Ceravolo:

- "È raccomandabile una visita di controllo semestrale per tutte le pazienti.

- Riteniamo necessario che a tutti i pazienti che presentino da un punto di vista clinico o strumentale non solo evidenza, ma anche semplice sospetto di importante contrattura capsulare, sieroma, infiammazioni loco-regionali, adenopatie, lesioni evidenti o rottura franca, siano espiantate le protesi e, se non esistono controindicazioni, sostituite.

- I pazienti con sindrome ansiosa o condizioni psicologiche labili, ma con impianti integri, dovrebbero essere valutati attentamente, se necessario con l'ausilio di colleghi specialisti, e dovrebbe essere data loro la possibilità di sostituzione dell'impianto.

- Alla FDA di ogni paese dovrebbe essere inoltre chiesto di valutare e certificare tutti gli impianti che vengono utilizzati sul suo territorio per evitare altre situazioni di altro tipo per altri dispositivi.

- È necessario un registro degli impianti, per avere un rapido follow up di tutte le protesi impiantate, in modo da poter gestire al meglio situazioni di questo tipo".

di Angelica Amodei

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Protesi sotto controllo per un ''Sorriso senza età''
Protesi sotto controllo per un ''Sorriso senza età''

Per tutto il mese di maggio continua la campagna dell’Associazione..

Fermare il cancro con un’aspirina?
Fermare il cancro con un’aspirina?

Secondo una nuova ricerca, la sua azione antinfiammatoria arresterebbe la..

Cancro al colon: meno carne per evitarlo
Cancro al colon: meno carne per evitarlo

Attività fisica e alimentazione controllata sono il mezzo migliore di..

8 maggio: regala un’azalea e sostieni la ricerca sul cancro
8 maggio: regala un’azalea e sostieni la ricerca sul cancro

Come tutti gli anni torna la campagna di Airc, per rendere il cancro una..

Vignette e libri divertenti: le donne scoprono l’ironia per combattere il cancro
Vignette e libri divertenti: le donne scoprono l’ironia per combattere il cancro

Intervista a Marisa Acocella Marchetto, l’illustratrice italoamericana..