I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Italiani e invecchiamento: il 63% è terrorizzato di perdere la propria autonomia

Si stima che nel 2050 l’Italia sarà il quarto Paese più vecchio al mondo, con un italiano su sette ultra-ottantenne e la prospettiva di diventare anziani si conferma una delle principali paure degli italiani

Italiani e invecchiamento: il 63% è terrorizzato di perdere la propria autonomia

Il 63% degli italiani si dice terrorizzato di perdere la propria autonomia personale e il 58% di gravare sulla famiglia ma solo il 41%  adotta risposte attive. Lo Studio, intitolato “L’atteggiamento degli italiani nei confronti dell’invecchiamento”, è stato presentato da Enrico Finzi, Presidente di AstraRicerche e condotto per Assidai, il fondo sanitario integrativo di Federmanager. I dati che emergono danno man forte a supposizioni che già lasciavano intendere come l’intero sistema socio-sanitario nazionale si trovi nelle condizioni di preparare la società di domani a contrastare l’emergenza e a promuovere il cambiamento. La ricerca, di cui si è discusso in occasione di una tavola rotonda,  organizzata presso il Senato della Repubblica con il Patrocinio del Senato della Repubblica e dell'Associazione Parlamentare per la Tutela e la Promozione del Diritto alla Prevenzione, ha visto la partecipazione di autorevoli istituzioni del welfare e della sanità italiana: Sen. Antonio Tomassini - Presidente XII Commissione Igiene e Sanità, Sen. Cesare Cursi - Presidente Osservatorio Sanità e Salute , On. Fiorenza Bassoli - Componente XII Commissione Igiene e Sanità, Sen. Claudio Gustavino - Componente XII Commissione Igiene e Sanità  Sen. Luca Bellotti - Sottosegretario al Lavoro e alle politiche sociali. Il Prof. Finzi ha commentato così lo studio: “Assistiamo ad una forte ambivalenza  nei sentimenti che i nostri connazionali ultra14enni affermano di provare pensando alla vecchiaia oggi e in futuro: malgrado vi sia la consapevolezza che rispetto al passato la medicina abbia fatto passi avanti straordinari per rendere più lunga e serena la vita degli anziani che oggi vivono più sani e attivi rispetto a un tempo; il 60% crede che oggi gli anziani siano meno amati, rispettati, onorati, seguiti e curati a confronto con gli anni del boom economico. E il 37% - pari a circa 19 milioni di Italiani – dice ‘vorrei non invecchiare o non esser invecchiato mai’ e la medesima percentuale afferma ‘odio invecchiare, sentire il tempo che passa ogni giorno’.  A questo rifiuto si affianca anche l’ansia che l’invecchiamento venga accompagnato da un mix d’indebolimento fisico e di perdita della memoria: il 35% dei quali teme appunto questo doppio handicap prospettico, essendo visto come la premessa della ‘minaccia massima’, cioè della progressiva perdita di autonomia e di finire “a carico”  della famiglia  (per lo più i figli e specialmente le figlie, le nuore, le nipoti, le cognate, ecc.: dunque il grande esercito delle ‘lei’ su cui ricadono – da sempre e come sempre – le attività di cura dei deboli, dei malati, dei non autosufficienti).

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Tale madre, tale figlia

Non solo il colore dei capelli o l’altezza, dalla mamma si possono..

Hai paura di invecchiare?
Test - Hai paura di invecchiare?

Qual è il tuo rapporto con l’inevitabile passare degli anni? Vivi..