I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Il colesterolo, una patologia sottovalutata che porta a ictus e infarto

In Italia ogni ora 14 persone subiscono un infarto, 26 vengono ricoverate per un problema di aterosclerosi e per malattie ischemiche del cuore

Il colesterolo, una patologia sottovalutata che porta a ictus e infarto

20 persone su 100 non hanno mai controllato i livelli di colesterolo, questo è quanto emerge da un incontro sul trattamento dell'ipercolesterolemia. In Sardegna si registrerebbero il più alto numero di cittadini che non prestano attenzione al controllo del colesterolo (30 su 100), mentre la Regione più virtuosa è risultata essere l'Emilia Romagna (12,5 su 100). Secondo quanto riferito dal Progetto Cuore dell'Istituto Superiore di Sanità, il 21% degli uomini e il 23% delle donne sono in ipercolesterolemia con valori sopra 240. Le linee guida europee e la carta del rischio cardiovascolare italiana stabiliscono che il beneficio per tenere lontani infarti e ictus, sia per i pazienti ad alto rischio di eventi cardiovascolari (diabetici, obesi, con problemi della funzionalità renale), che per tutti gli altri, viene dalla riduzione del colesterolo. "È dimostrato che per una riduzione di 40mg di colesterolo - afferma Alberico Catapano, professore di farmacologia all'Università di Milano e presidente della Società Europea Aterosclerosi - si riduce del 25% il numero degli eventi ischemici e con una riduzione di 80 mg, si dimezzano". Per i pazienti ad alto rischio cardiovascolare, per i quali il colesterolo non scende solo con le statine, è disponibile ''un'opzione terapeutica in più - aggiunge Claudio Borghi, ordinario di Medicina Interna all'Università di Bologna: l'associazione di un farmaco, l'ezetimibe, ora in classe A, più una statina, con cui si diminuisce il colesterolo LDL (conosciuto anche come colesterolo cattivo) del 25%”. Uno studio pubblicato sull'American Heart Journal, chiamato Sharp, condotto su 9 mila pazienti nefropatici ha mostrato come la terapia con ezetimibe e simvastatina ha ridotto del 16,5% gli eventi aterosclerotici maggiori.

 

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Dai 20 anni occhio al colesterolo
Dai 20 anni occhio al colesterolo

Non è mai troppo presto per prevenire le malattie coronariche

Ridurre il colesterolo con i rimedi naturali
Ridurre il colesterolo con i rimedi naturali

Fitoterapici e omotossicologia possono aiutarti a riportare i livelli nel..

Per sopravvivere all’ictus, mantenete buoni rapporti con i vicini
Per sopravvivere all’ictus, mantenete buoni rapporti con i vicini

Secondo una ricerca americana, vivere in un quartiere coeso fa bene non..

Stop al colesterolo con le mele
Stop al colesterolo con le mele

Secondo una ricerca americana, una mela (o meglio due) al giorno fa bene..