I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Attenzione ai fanghi d’alga per chi ha problemi alla tiroide, lesioni alla cute, pelle sensibile

Attenzione ai fanghi d’alga per chi ha problemi alla tiroide, lesioni alla cute, pelle sensibile

Osannati come la soluzione miracolosa contro gli inestetismi della cellulite, i fanghi d’alga sono però sconsigliati dai dermatologi per le donne con problemi di tiroide e pelle sensibile, e anche a quante sono in gravidanza o in fase di allattamento. A detta degli specialisti è necessario abbandonare l’idea che tali trattamenti facciano miracoli, benché possano avere qualche efficacia a livello superficiale. “Purtroppo esiste un’informazione distorta – afferma la dott.ssa Caputo, medico estetico, in merito all’applicazione dei fanghi d’alga – perché questi prodotti vengono propagandati come la soluzione, la panacea del trattamento della cellulite. In realtà non è assolutamente così. Sono tutti trattamenti che possono avere una qualche efficacia ma soltanto a livello superficiale. Non dimentichiamoci che la cellulite è un problema legato a un disturbo del microcircolo e non si risolve certo con l’applicazione del fango sulla pelle. Chi ha problemi notevoli non può certo risolverli in questo modo”. Di contro da quanto affermato dalla specialista, i dati emersi da uno studio condotto da un’azienda leader nella produzione di prodotti contro la cellulite su un campione di 1200 donne (di età compresa tra 18 e 50 anni). Secondo l’indagine, il suddetto inestetismo costituirebbe la principale causa di preoccupazione per 1 italiana su 2 (54%), le cui speranze di guarigione sarebbero riposte proprio nei fanghi d’alga.

 “I fanghi d’alga devono essere utilizzati ovviamente con precauzioni. Vanno applicati su persone che hanno una cute integra e in buono stato, non in condizioni di lesioni cutanee. Inoltre non esistono pareri univoci sulla loro possibile interferenza con la funzionalità tiroidea, il dosaggio degli ormoni ed un eventuale aumento dei livelli di iodio all’interno dell’organismo. - dichiara la dott.ssa Caputo - In soggetti sani questo prodotto non dovrebbe costituire un problema. Al contrario, se presenti alcune patologie, potrebbe esasperarle. In persone con pelle sensibile e iper-reattiva possono manifestarsi delle reazioni irritanti che potrebbero assumere proporzioni più rilevanti. Il più delle volte ciò non crea problemi irreparabili perché è la stessa persona che utilizza il fango a smettere di usarlo dopo aver visto le conseguenze. Gli effetti sono solitamente transitori e presenti soprattutto nel caso di preparazioni fai da te”, sottolinea la dott.ssa Caputo che aggiunge: “Se soltanto i fanghi fossero sufficienti a risolvere questo tipo di problemi, in estate, sulle spiagge vedremmo tutta gente con fisici come Claudia Schiffer. Magari!”  

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Le gambe delle donne
Le gambe delle donne

Riscaldamento, tacchi alti, calze pesanti possono causare gonfiore e..

Cellulite: una sfida ancora da vincere
Cellulite: una sfida ancora da vincere

Tantissimi i trattamenti, ma ancora troppo scarsi i risultati,..

I trattamenti d’urto contro la cellulite
I trattamenti d’urto contro la cellulite

La Francia li ha vietati perché pericolosi per la salute, da noi il..

Gambe gonfie e pesanti? Cosa fare per ritrovare tono ed elasticità
Gambe gonfie e pesanti? Cosa fare per ritrovare tono ed elasticità

I primi caldi possono evidenziare un’insufficienza venosa agli arti..

La dieta per la tiroide
La dieta per la tiroide

Questa importante ghiandola ha bisogno di dosi equilibrate di iodio

TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?
Test - TEST dell’acqua: ma tu bevi abbastanza?

Sei sicura di bere a sufficienza? Fai il test e scegli l’acqua più..