I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Atelofobia, il male delle italiane di sentirsi imperfette

Atelofobia, il male delle italiane di sentirsi imperfette

Atelofobia, cioè la paura delle imperfezioni che spinge ad avere un'immagine distorta di se stessi allo specchio, è uno dei nuovi ''mali'' che affliggono le donne italiane. A rivelarlo è un sondaggio condotto da Paolo Mezzana, chirurgo plastico e responsabile del servizio di dermatologia oncologica Usi casa di cura Marco Polo di Roma. Al sondaggio, lanciato via Facebook e che ha coinvolto una platea di 1600 persone, alla domanda ''Come ti consideri?'' solo il 18% delle donne ha risposto di vedersi bella, mentre l'82% ha affermato di sentirsi ''normale'' o ''niente di che''. Tra le cose che le intervistate cambierebbero di più la pancia (15% ) e il naso (10%), mentre si ''salvavano'' occhi e labbra. Il 32% ha affermato addirittura che avrebbe desiderato modificare più di una cosa di se stessa. Molte donne - è la conclusione di Mezzana - si rivolgono al chirurgo estetico per correggere dei difetti fisici che in realtà non esistono: in questi casi sta allo specialista indirizzarle verso soluzioni non invasive che le consentano di vedersi belle e sentirsi sicure senza ricorrere alla chirurgia. ''Tutto questo è generato da uno stato di insicurezza e di percezione non positiva del sé favorito dall'importanza data oggi all'immagine, considerata fondamentale per avere successo'', spiega la dottoressa Paola Vinciguerra, psicologa e psicoterapeuta, presidente dell'Eurodap, Associazione europea per il disturbo da attacchi di panico. ''Il difetto fisico quindi è considerato un qualcosa da correggere per stare bene con gli altro, per sentirsi più accettati- chiarisce Vinciguerra - il problema però è che dietro c'è spesso un disagio più profondo , per questo è fondamentale ammettere che abbiamo un problema con noi stessi e non con il nostro fisico per poter tornare a sentirci bene''. ''Se non lo faremo, una volta corretto il singolo difetto fisico ci fisseremo su un altro e - conclude - e non serviranno neppure le rassicurazioni delle persone care a farci stare emozionalmente più tranquilli''.

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento