I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Arancini al ragù di pesce spada

Arancini al ragù di pesce spada

L'arancino (in siciliano arancina o arancinu) è la specialità della cucina siciliana che ha trionfato al Fishinitaly, la vetrina ittica nazionale in mostra a Bruxelles. Alla ventesima edizione dell’European Seafood Exposition (ESE), appuntamento annuale che si svolge presso il Parc de Expositions in aprile, si è consumata una insolita gara a suon di mestoli e fornelli, ingredienti regionali e rielaborazioni curate da alcuni "Giornalisti in cucina" che, affiancati da una ciurma di cuochi capitanati dallo chef Giovanni Montemaggiore impegnato per tre giorni a deliziare i palati dei presenti, si sono dati battaglia per conquistare il podio. Su tutti, si è distinta l’abilità della collega Debora Verde, giornalista Rai Palermo, che ha ottenendo elogi dalla giuria di qualità presieduta da Giancarlo Roversi e formata da Giuseppina e Beppe Bigazzi. Se volete stupire i vostri prossimi invitati, ecco la ricetta della vincitrice.


Ingredienti per 6 persone:
1 kg riso carnaroli
2 fette pesce spada
2 melanzane
500 g pomodorini
150 g vastedda (formaggio)
1 bustina zafferano
Pangrattato
Menta
½ cipolla
1 spicchio aglio
Olio extravergine di oliva
Brodo vegetale


Per pastella:
Acqua
Farina
Sale q.b.


Procedimento:
Fai tostare il riso con la cipolla. Aggiungi il brodo vegetale allo zafferano e porta a cottura il riso. Lascia raffreddare. Per il condimento, metti a rosolare all’aglio e aggiungi il pesce spada tagliato a dadini: fai rosolare. Aggiungi i pomodorini tagliati e la menta: fai cuocere per 12-15 minuti. Quando la cottura è ultimata, passa tutto al mixer. Se noti dell’acqua in eccesso, scola a dovere. Con la mano bagnata (per evitare che il riso rimanga attaccato sul palmo), crea delle palline di riso e, avendo premura di formare una cavità al centro, farcisci con il condimento del pesce e aggiungi a piccole dosi la vastedda, ridotta a piccoli tocchetti. Chiudi la pallina, passala nella pastella prima e nel pangrattato poi. Friggi con olio extravergine di oliva. Ma attenzione: usa un tegame piccolo e con bordi alti e fai in modo che l’olio durante la cottura copra le arancine. Non metterne più di 3-4 a cuocere insieme perché altrimenti si impregnano eccessivamente di olio. Servi caldo.

di Roberta Maresci
PARLIAMO DI: arancini, pesce spada

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento