I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Uova. Ecco perchè integrarle nella propria dieta

Affogate, strapazzate, fritte, sode o alla coque: in qualunque modo decidiate di gustarle, le uova rappresentano uno fra i cibi più consumati sia per la facilità di preparazione, sia per il basso costo

No pagePagina successiva
Uova. Ecco perchè integrarle nella propria dieta

Ne consumiamo circa 14 Kg a testa ogni anno e nonostante sia un alimento ricco di proteine e di diversi nutrienti fondamentali per il nostro organismo, sono numerosi i pregiudizi che accompagnano il consumo di questo prezioso alimento.

Tra i luoghi comuni che caratterizzano le uova sono quelli che lo ritengono un alimento troppo ricco in colesterolo e che, quindi,  il consumo deve essere necessariamente limitato. In realtà circa 80% di colesterolo presente nel nostro sangue viene prodotto fisiologicamente dall’organismo e solo 20% dipende dalla nostra alimentazione. Di conseguenza, modificando il nostro modo di mangiare, potremo variare solo quest’ultima percentuale, ad eccezione delle persone che soffrono di ipercolesterolemia o di calcoli alla colecisti le quali devono stare particolarmente attente. Due o tre uova alla settimana possono essere quindi mangiate tranquillamente ma ,come tutti gli alimenti, è opportuno non abusare del consumo. Le uova sono un alimento di alto valore biologico, proprio perché possiedono tutti gli amminoacidi essenziali. Non le possiamo considerare un cibo completo perché sono prive di carboidrati e fibre, ma proprio l’assenza di questi nutrienti rende l’uovo altamente digeribile e quindi adatto anche per l’alimentazione di bambini e anziani. Anche il tipo di cottura influisce sui tempi di digestione: un'ora è necessaria per digerire l’uovo alla coque; un'ora e mezzo per l'uovo crudo; 2 ore e mezzo circa per l'uovo sodo e 3 ore per l'uovo fritto. L’alto contenuto in proteine (12.5g ogni 100g) fa si che questo alimento possegga un elevato indice di sazietà. Sono stati fatti degli studi che hanno dimostrato come l’introduzione dell’uovo a colazione determina un elevato senso di sazietà e una riduzione delle calorie assunte durante la giornata. La ricchezza in carotenoidi, luteina e zeaxantina fa si che l’uovo sia importante nella prevenzione delle malattie oculari legate all’invecchiamento, in particolare, riduce la probabilità di insorgenza della degenerazione maculare che è una delle cause principali di cecità negli anziani. Le uova  sono anche utili per la prevenzione dei difetti cognitivi: sono una fonte di colina necessaria per la sintesi dell’acetilcolina, il neurotrasmettitore fondamentale nelle aree cerebrali. La colina, inoltre, svolge un’azione epatoprotettrice, quindi, coloro che soffrono di patologie croniche a carico del fegato possono consumare moderatamente le uova purché non siano fritte o sotto forme di salse. Numerosi studi hanno dimostrato come la vitamina D e B12, i folati e il selenio siano importanti per la prevenzione di malattie cardiovascolari. L’uovo, in particolare, il tuorlo, è un’ottima fonte di questi nutrienti. Un’indagine condotta nel Regno Unito ha verificato che coloro i quali consumano in media 3 uova a settimana, presenta maggiori livelli di vitamine (B12, A e D,  B3), iodio, zinco e magnesio, rispetto a chi non ne mangia. L’uovo varia le sue caratteristiche organolettiche ma anche estetiche in base al tipo di allevamento alla quale è sottoposta la gallina: Il colore del tuorlo, ad esempio, subisce delle variazioni cromatiche in base all’alimentazione dell’animale.  Il colore invece del guscio varia in base alla razza della gallina. È importante tenere presente come, in entrambi i casi, dal colore non dipende né la freschezza né la genuinità dell’uovo. Nonostante le sue dimensioni, l’uovo lo si può considerare anche un elisir di giovinezza grazie anche alla sua ricchezza in antiossidanti fondamentali per combattere i radicali liberi. Il contenuto di antiossidanti nel tuorlo crudo è addirittura maggiore di quello posseduto da una mela ed è paragonabile a quello dato da  una porzione di mirtilli rossi di circa 25-30g.

PARLIAMO DI: uova, proprietà uova

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
La carta d’identità delle uova

Impariamo a leggere l’etichettatura obbligatoria riportata sul guscio

Perché ci piacciono tanto le uova di Pasqua?

Fondente, al latte, con sorpresa: scegli quella che preferisci e scopri..

Un menu di Pasqua tutto verde

Per chi è vegetariano o per chi non ama l’agnello, ricette semplici e..