I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

La dieta per la tiroide

Questa importante ghiandola ha bisogno di dosi equilibrate di iodio

No pagePagina successiva
La dieta per la tiroide

Pelle secca, umore a terra, ciclo doloroso e chili di troppo sono i sintomi classici di una tiroide giù di giri. Se invece il problema è parlare a macchinetta, andare in ansia per niente, cuore al galoppo, insonnia vuol dire che la tiroide sta lavorando in accelerazione. Certo, meglio che a confermarlo siano la scintigrafia e i valori ematici di T3, T4 e TSH. Se il responso chiarisce qual è il problema, il suggerimento terapeutico del National Institutes of Health è quello di integrare le cure tradizionali con la dieta giusta, perché la ghiandola a foma di farfalla posta alla base del collo ha bisogno soprattutto di equilibrate dosi di iodio.

 

Se funziona troppo poco

Prima di mangiare conta: il carburante principale della tiroide è un minerale, lo iodio, senza il quale la ghiandola, motore del metabolismo, non può sintetizzare gli ormoni.  Fortunatamente questo minerale si trova in molti alimenti, anche se in percentuali diverse. Aragosta e ostriche sono composte all’80 % di iodio mentre la farina di grano ne contiene solo il 3%.  L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di consumare 150 microgrammi di iodio (250 mcg per le donne in gravidanza) al giorno. In genere ne consumi solo 100-120 mcg, ma aumentare la dose è facile: puoi sostituire il sale comune con quello iodato che trovi nei supermercati. Ogni grammo di sale arricchito di ioduro, infatti, fornisce all’organismo 30 microgrammi di iodio in più. Attenzione però a rispettare la regola di salare i cibi a fine cottura e non all’inizio perché il minerale marino alle alte temperature tende a evaporare e quindi a dissolversi. Ci sono poi alcuni cibi particolarmente ricchi di iodio, primi fra tutti pesci e crostacei, soprattutto aragosta, cozze, acciughe, baccalà, merluzzo, palombo, sogliola. A seguire trovi uova, carne di vitello o manzo, lenticchie, piselli, fave, funghi freschi, radicchio, spinaci.   

 


PARLIAMO DI: tiroide, iodio, valori ematici,