I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Semi e olio di lino, una fonte di acidi grassi

Dalla pianta un aiuto per il sistema immunitario; ricette sfiziose per portarne in tavola tutti i benefici

No pagePagina successiva
Semi e olio di lino, una fonte di acidi grassi

Il lino (Linum usitatissimum) è una pianta erbacea annuale, che cresce spontanea o viene coltivata in regioni a clima temperato, sia per le sue fibre che per i suoi semi, da cui si ricava un olio.

 

Semi di lino

I frutti del lino contengono piccoli semi colore marrone particolarmente ricchi di mucillagine, ossia di una sostanza organica gommosa che ha capacità di assorbire e trattenere acqua. Come tutte le fibre, le mucillagini favoriscono la motilità intestinale e svolgono quindi un’attività lassativa se assunti con un’adeguata quantità di liquidi (l’assorbimento di liquido dei semi è pari a 5-6 volte il loro peso se macinati). Hanno inoltre proprietà antinfiammanti del tubo digerente e delle vie urinarie, sono ricchi di sali minerali e proteine ma soprattutto vantano un elevato contenuto di acidi grassi Omega3.

Questi acidi grassi essenziali, provenienti esclusivamente da sorgenti alimentari, rafforzano il sistema immunitario, sono ipotensivi, antiaggreganti, antinfiammatori e riequilibrano la quantità di Omega6 nell’organismo che, se presenti in eccesso, possono causare aumento di pressione sanguigna, aggregazione piastrinica, formazione di trombi, irritazione intestinale, diminuzione delle difese immunitarie. Il rapporto corretto tra i due acidi dovrebbe essere di 3 a 1 in favore degli Omega6 anche se spesso, a causa del moderno stile alimentare, questo rapporto è di 10 a 1.

 

Infine, è stato dimostrato che i semi di lino aumentano la capacità di inibire le cellule cancerogene: il National Cancer Institute (NCI) degli Stati Uniti ha individuato il lino come una delle sei piante a cui sono attribuite proprietà antitumorali e di prevenzione del cancro (A.B. CARAGY,"Cancer-preventive foods and ingredients", in Food Technology). Si possono assumere da 3 a 4 cucchiai di semi di lino al giorno, che andranno tritati al momento per evitarne l’ossidazione.

 

Olio di lino

Anche l’olio vanta numerose proprietà, molto simili a quelle dei semi. Oltre alle elevate qualità nutrizionali, è raccomandato per abbassare il colesterolo e per le sue proprietà antitumorali. L’importante è che l’olio non superi i 20 °C perché in quel caso perderebbe le sue caratteristiche.
Va quindi usato esclusivamente a crudo e conservato in frigorifero. Inoltre, specie d’estate, bisogna accertarsi che abbia seguito la catena del freddo.
Non assumere in quantità maggiori a 2 cucchiaini al giorno. 

PARLIAMO DI: lino, mucillagine, Omega 3,

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Rimedi naturali per i dolori invernali

Dalla natura gli antidolorifici per alleviare i tormenti di chi soffre..

Le erbe che migliorano la tua silhouette

Per eliminare il gonfiore addominale tisane e oli essenziali

10 trucchi per scongiurare l’insonnia

Stacca la spina del computer almeno 2 ore prima coricarti e niente caffè..

Secchezza vaginale: ne soffre una donna su tre

La mancanza di lubrificazione è un disturbo da non sottovalutare: espone..

Tutti gli oli da usare in cucina

Non c’è solo l’olio di oliva: le alternative sono molte, con..