I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Un pranzo veloce veloce? Ogni tanto si può

Pranzare con qualcosa “al volo”? In spiaggia, al lavoro o perché con il caldo hai poco appetito, una volta ogni tanto te lo puoi concedere.

No pagePagina successiva
Un pranzo veloce veloce? Ogni tanto si può

Il pranzo è il pasto più importante della giornata, e come tale dovrebbe essere il più abbondante e completo. Un pranzo veloce “occasionale”, però, non è una tragedia: l’importante è non saltarlo completamente e, soprattutto, recuperare durante la giornata. Il rischio, altrimenti, è quello di avere difficoltà digestive e di arrivare affamate alla sera, abbuffandosi e facendo il pieno di calorie che poi si fanno fatica a smaltire”, spiega la dottoressa Evelina Flachi, Specialista in Scienza dell’Alimentazione, Docente a.c. alla Scuola di Specializzazione in Idrologia Medica e Medicina Termale dell’Università di Milano. Vediamo i pro e i contro delle principali alternative per un pranzo veloce, con l’aiuto della dottoressa Flachi.

 

Il panino. Anche un panino può offrire nutrienti di buona qualità. L’importante è sapere scegliere ed evitare quelli troppo calorici e ricchi di salse. Il consiglio, quindi, è quello di optare per un panino con la bresaola, olio e insalata o pomodori, oppure con il tonno e le verdure alla griglia. Una volta la settimana ti puoi concedere anche un sandwich con il formaggio o con il prosciutto. Meglio lasciar perdere, invece, quelli che abbinano insaccati e formaggi o a cui viene aggiunta la maionese. Se dopo il panino hai ancora fame non fare il bis, ma scegli una macedonia o una porzione di ananas.

 

L’insalatona. Anche in questo caso, l’importante sono gli ingredienti. Un’insalata mista con carote, rapanelli, sedano, fagiolini, offre un’interessante fonte di vitamine e minerali. Per renderla gustosa e poco calorica puoi aggiungere delle uova sode, oppure del tonno a basso contenuto di sale (così non “pesi” sulla ritenzione idrica), oppure delle scaglie di grana o dei fiocchi di latte. Ricordati però di non portare in tavola il formaggio più di 2-3 volte a settimana e soprattutto di non abbinarlo ad altri ingredienti nelle tue insalatone, altrimenti il conteggio calorico e di grassi rischia di salire alla grande.