I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Il miele: cibo degli dei

Conosciuto da secoli per i suoi effetti benefici, è da considerare non come un semplice dolcificante, ma come alimento prezioso da consumare tutti i giorni

Pagina precedenteNo Pag. successiva

Tiglio possiede colore giallo, trasparente; il profumo è gradevole, vagamente mentolato; il sapore, dolce, ripropone ricordi di menta ed è persistente. Addolcisce e profuma tisane; da spalmare nella cavità addominale del branzino prima di chiuderlo nel cartoccio e infornarlo. 

 

Zagare d’arancio ha colore molto chiaro, con profumo che varia d’intensità secondo le annate; è piacevolmente aromatico e dotato di sapore pieno con vena acidula. Sostituisce lo zucchero nelle crostate di frutta, specie in quelle all’arancia. Si spalma spalmare sull’anatra da laccare. 

 

Millefiori, come suggerisce il nome è un insieme di nettari di fiori. Varia secondo il luogo e il periodo di produzione. È in genere chiaro, fluido, intensamente profumato e molto dolcificante. Addolcisce bevande, si utilizza in pasticceria oppure si può unire a gamberi o a scampi saltati in padella al momento di spegnere la fiamma.

 

Rosmarino possiede colore giallo paglierino che diventa bianco avorio se è cristallizzato; il profumo è delicato, ricorda le erbe aromatiche, mentre il sapore è dolce, aromatico, con note di mandorle amare e una punta acidula. Da spalmare sugli scottadito d’agnello.

 

Sulla possiede colore avorio, è prodotto dai fiori dell’omonima pianta da foraggio; il profumo è molto tenue; il sapore è anch’esso molto delicato. Essendo dolce e quasi insapore, si può utilizzare al posto dello zucchero in pasticceria, per addolcire bevande e nelle preparazioni agrodolci.

 

Il miele vergine integrale

A prescindere dal colore o dalla varietà, il miele da preferire è “vergine integrale" che ha caratteristiche qualitative superiori a quelle previste per legge per la denominazione di base (miele). Secondo il disciplinare che ne regolamenta la produzione, il miele vergine integrale è un prodotto tradizionale, estratto per centrifugazione, con umidità idonea a garantire una lunga conservazione naturale. Non deve aver subito trattamenti che possano modificare le caratteristiche del miele appena estratto e, in particolare, non ha mai subito riscaldamenti a temperatura superiore a 40 °C. Viene inoltre conservato in modo da mantenerne inalterata la composizione.

 

Il miele in cucina

Il miele è il dolcificante di tutti i dolci di lunga tradizione. I dolci preparati con il miele rimangono freschi più a lungo.

 

Una ricetta salata

Peperonata al miele

Ingredienti per 4 persone

500 g di peperoni gialle e rossi; 1 cipolla; 2 cucchiai di miele d’acacia; 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

 

Preparazione

Lavate i peperoni, apriteli a metà, eliminate il picciolo con i semi, le costole interne bianche e svuotateli completamente. Tagliateli a strisce sottili. Sbucciate la cipolla e affettatela. 

Scaldate l’olio con un cucchiaio d’acqua in un tegame, unitevi la cipolla e fatela appassire a fiamma bassa per 5 minuti, mescolandola spesso. Unite alla cipolla i peperoni, salateli leggermente, mescolate, lasciate insaporire per qualche minuto; quindi bagnate con un mestolo d’acqua, portate in ebollizione, abbassate la fiamma, coperchiate e lasciate sobbollire per 15 minuti.

Togliete il coperchio, se la preparazione fosse troppo brodosa fatela asciugare a fiamma medio alta e a recipiente scoperto. Spegnete la fiamma, unite il miele d’acacia, mescolate e servite (il miele d’acacia è tra i più liquidi; se utilizzate un miele cristalizzato, scaldatelo a bagnomaria prima di unirlo ai peperoni).

di Fabiano Guatteri
PARLIAMO DI: miele, nettare, fruttosio, glucosio,