I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

I funghi: cibo, medicina o veleno?

Secondo i ricercatori, molte varietà favorirebbero le difese immunitarie. Ma meglio mangiarli cotti

I funghi: cibo, medicina o veleno?

 

Non sono vegetali, né animali. Sono funghi.   Le varietà coltivate, come i gallinacci o gli champignons, si possono trovare sul mercato tutto l’anno, altre tornano a crescere in primavera. Ma fanno bene? Sono un semplice alimento saporito, un cibo con virtù terapeutiche oppure un veleno? 

 

CIBO. Gli esperti dell’università californiana di Berkeley (http://berkeley.edu/) dicono che i funghi siano una fonte, finora piuttosto sottovalutata, di importanti sostanze nutritive, come la vitamina B, il rame, il ferro, il potassio e il selenio. Hanno anche qualche fibra, ma poche calorie. Meglio quelli freschi, secchi o surgelati rispetto a quelli in scatola, che durante la lavorazione perdono alcune proprietà.

 

MEDICINA. Sembra che alcuni funghi, e in particolare quelli che da secoli sono utilizzati in Asia, possano avere qualità medicinali, grazie ai polisaccaridi che contengono e ad altri composti. In particolare i funghi shiitake (lentinula edodes) e maitake (grifola frondosa), che in Cina e in Giappone sono un ingrediente tipico di zuppe e minestre, favorirebbero le difese immunitarie.

Pare che anche i comuni champignon abbiano virtù terapeutiche: oltre a rinforzare la risposta immunitaria (secondo gli studi dell’HNRCA Nutritional Immunology Laboratory di Boston: http://www.sciencedaily.com/releases/2010/07/100729101609.htm), potrebbero inibire l'attività degli enzimi implicati nel cancro della mammella e della prostata

È ancora da stabilire se questi benefici si possano ottenere semplicemente mangiando funghi o assumendo capsule con estratto di funghi, ma gli scienziati stanno isolando i composti dei funghi per valutarne un potenziale uso nella medicina. 

 

 VELENO. Come tutti gli alimenti vegetali, i funghi crudi contengono sostanze naturali che possono avere effetti negativi. L’idrazina contenuta negli champignon può, se assunta in grande quantità, provocare il cancro negli animali da laboratorio. In effetti, se si mangiano grandi quantità di funghi, come avvertono i ricercatori dell’università di Berkeley, sarebbe meglio cuocerli, perché la cottura (come l’essicazione) distrugge le sostanze nocive e rompe le pareti cellulari fibrose dei funghi, in modo che le sostanze nutrienti siano rilasciate più facilmente. 




di Monica Coviello
PARLIAMO DI: funghi, veleno, idrazina,

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Estate: allarme funghi della pelle

Caldo, umidità e sudore favoriscono la diffusione delle micosi

L’olio di tea tree contro funghi e batteri

Secondo i ricercatori dell’Università di Berkeley, la sua efficacia..

I rimedi contro le punture di insetto

Con l’arrivo della bella stagione api, zanzare e calabroni entrano in..

In piscina con la mamma

Nel tuo pancione l’hai cullato in un ambiente acquatico per nove mesi;..