I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Escherichia Coli: soia innocente, niente panico

L’Europa a lavoro per individuare il focolaio dell’infezione, dopo il falso allarme sui cetrioli e i germogli di soia. In Italia per ora non ci sono pericoli. Importante, però, rispettare sempre le norme igieniche in cucina

Escherichia Coli: soia innocente, niente panico

Ancora non è stata individuata l’origine della contaminazione da Escherichia Coli (E. Coli), il cosiddetto “batterio killer” che in Germania ha causato fino a oggi il decesso di 24 persone. Assolti i cetrioli, l’attenzione si è spostata sui germogli di soia coltivati presso una cooperativa di prodotti biologici nella provincia di Uelzen (nella Bassa Sassonia), ma anche questi, secondo le ricerche epidemiologiche, non sono stati riconosciuti come i responsabili.

Continuano le indagini e nel pomeriggio di oggi è previsto un incontro tra i ministri europei dell'Agricoltura e della Sicurezza alimentare a Lussemburgo. Per saperne di più, piùSanipiùBelli ha contattato l’Istituto Superiore di Sanità, i cui esperti sono al lavoro sul caso. L’Istituto tranquillizza gli italiani e avverte che non è giustificato l’allarmismo verso il consumo di ortaggi, soprattutto quelli prodotti in Italia, visto che le indagini di laboratorio non hanno supportato l’ipotesi dei vegetali contaminati quale fonte di infezione.

Le consuete norme igieniche per la sicurezza alimentare sono sufficienti a evitare infezioni:

  • lavarsi frequentemente le mani dopo aver maneggiato alimenti
  • sciacquare bene le verdure prima di consumarle
  • evitare il consumo di carne cruda
  • lavare bene tutti gli utensili usati per la preparazione dei cibi (anche coltelli e taglieri), evitando di riutilizzarli per più alimenti
  • lavare bene le mani prima di manipolare i cibi e dopo aver usato la toilette

Per coloro che hanno recentemente soggiornato in Germania, l’Istituto Superiore di Sanità consiglia di prestare attenzione alla comparsa di sintomi gastroenterici e di rivolgersi al proprio medico nel caso di diarrea emorragica.

Per proteggere il nostro intestino può, in generale, essere utile il consumo di alcuni alimenti che rinforzano la flora batterica, dice il professor Pierluigi Rossi, esperto del Consiglio Superiore di Sanità. Quali? “Assumere probiotici (batteri “amici” utili per mantenere l’equilibrio della flora batterica intestinale), contenuti negli yogurt, nei latti fermentati o in alcuni integratori alimentari e i prebiotici (fibre idrosolubili) presenti soprattutto in legumi, verdure, frutta fresca, crusca d’avena e orzo”.

di Luana Trumino

Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
L’importanza di una corretta igiene intima
L’importanza di una corretta igiene intima

Bastano semplici accorgimenti per prevenire disturbi seri

Gli italiani e l’igiene orale: un rapporto davvero infelice
Gli italiani e l’igiene orale: un rapporto davvero infelice

Trascurano la pulizia dei denti, non conoscono la prevenzione e dal..

I batteri si annidano nelle tastiere
I batteri si annidano nelle tastiere

Oltre al capo e ai colleghi, in ufficio state attente anche ai germi

Come difendersi da virus e batteri
Come difendersi da virus e batteri

Autobus, metrò e locali pubblici: attenzione all’igiene

Estate: allarme funghi della pelle
Estate: allarme funghi della pelle

Caldo, umidità e sudore favoriscono la diffusione delle micosi