I VIDEO DI ROSANNA
Oroscopo della salute Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci Oroscopo della settimana

Al MAXXI, Paola Maugeri e la sua vita a impatto zero!

Come alimentarci, lavorare e vivere nel rispetto dell’ambiente seguendo i consigli dell’artista italiana da sempre impegnata in un’esistenza a misura energetica

No pagePagina successiva
Al MAXXI, Paola Maugeri e la sua vita a impatto zero!

Tra i tanti artisti, scienziati, intellettuali, politici, ambientalisti e imprenditori convenuti al MAXXI (Museo di Roma dedicato alla creatività contemporanea), per confrontarsi sulla forza creativa delle energie che muovono il mondo, non è casuale abbiano invitato anche lei: Paola Maugeri. È bastata una breve ricerca per comprenderne il motivo: ambasciatrice nel 2009 per l'Italia al summit di Copenaghen per un protocollo sul clima, ha vissuto, in seguito, per un anno intero, seguendo uno stile di vita a impatto zero; ha ampliamente dibattuto l’argomento nel suo blog “Storia di un esperimento di felicità” (http://storiadiunesperimentodifelicita.tumblr.com/), 

diario nato per documentare, e soprattutto condividere con i lettori, l’esperienza di restyling ecologico della sua casa; ha scritto per la Mondadori “La mia vita a impatto zero” ed è in procinto di ultimare un secondo libro, per il momento top-secret ma sempre riguardante i temi della sostenibilità; segue un’alimentazione vegana e macrobiotica; si cura con la medicina naturale e fa uso di cosmetici realizzati con ingredienti, ovviamente, ecosostenibili. Ecco perché, il 30 Novembre, insieme al giornalista e autore Riccardo Luna, il volto storico di MTV, protagonista su Virgin Radio di “Long Playng Stories” (programmi dedicati alla storia del Rock), vee-jay e bassista, darà vita a un dibattito partendo dal principio secondo cui è lo stesso essere umano un produttore di energia, e come tale ha il dovere di rifornirsi attingendo a fonti affidabili. Il workshop al MAXXI ( che ricordiamo essere il primo Museo nazionale a proporsi come laboratorio culturale, di studio e ricerca di contenuti estetici del nostro tempo), è la base della nostra conversazione ma anche, da parte dell’artista, una manovra di avvicinamento “eco” verso le lettrici di più Sani più Belli e mai dire mai…

 

L’episodio che ha segnato la svolta ecosostenibile?

In realtà, sempre stata! Già negli anni dell’adolescenza vissuti a Catania, città che negli anni ’80 era tutt’altro che ecologica, non mi capacitavo dello spreco e di quanta poca cura ci fosse per il recupero delle risorse. Evidentemente raccoglievo idee, esplose poi con la nomina di ambasciatrice per il summit di Copenaghen. Lì, oltre ad aver l’occasione di lavorare in un Paese (nordico) dove l’attenzione alla distribuzione delle risorse è sempre stata molto alta, ho capito di voler iniziare a fare la differenza in quella direzione. Quindi, rientrata in Italia, per un anno, insieme alla mia famiglia abbiamo vissuto “impattando” sull’ambiente il meno possibile. Ho provato a vivere la quotidianità nella mia casa rispettando profondamente tutto ciò che ci circonda, e quando rispetti l’ambiente rispetti prima di tutto te stesso. Un’esperienza talmente formativa da far nascere il documentario “La mia vita a impatto zero”  (andato poi in onda su Rai 3 all’interno del programma “E se domani…“ condotto da Alex Zanardi), il blog e il libro. Ma la consapevolezza, l’attenzione al quotidiano non si è conclusa lì, continua ancora oggi.

 

Nella pratica, come si può rendere la propria vita più ecosostenibile?

Si possono mettere in atto tantissime accortezze, ma tre sono i punti davvero risolutivi, che fanno la differenza:

  • Riscaldamento: viviamo in case gelide durante l’estate e caldissime in inverno. Basterebbe abbassare di 2-3 gradi il termostato per portare più rispetto all’ambiente e poterne trarre tutti delle risorse.
  • Mobilità “intelligente”: cercare innanzitutto di avere un atteggiamento critico verso la propria mobilità, utilizzando per lo più i mezzi pubblici, adottando maggiormente il car e bike sharing, dividendo con altri la propria macchina per andare al lavoro e non utilizzandola singolarmente (quanto di meno sostenibile si possa fare).
  • Regime vegetariano: abbracciarlo il prima possibile e, soprattutto, mangiare secondo la stagionalità. Niente impatta quanto gli allevamenti intensivi.

Sono indicazioni che possono attuare tutti, non è necessario un cambiamento radicale della propria vita, basta iniziare a pensarci, il mio motto è: ognuno fa con quel che sa!

 


Vota questo articolo

Il voto dei lettori (3/5)

Commenti  Visualizza commenti     Stampa  Stampa articolo
Lascia un commento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
Alimentazione e salute: come migliorare la qualità della vita
Alimentazione e salute: come migliorare la qualità della vita

Dai consigli per imparare a farsi un orto sul balcone alle ricette per..

L’alimentazione giusta per l’estate
L’alimentazione giusta per l’estate

Precedenza a cibi freschi e molto digeribili come insalate di riso e..

Scegli le piante giuste per la tua casa
Scegli le piante giuste per la tua casa

Assorbono le tossine e in più regalano energia e perfino buonumore

Concerto per la vita che ascolta: sono aperte le prenotazioni
Concerto per la vita che ascolta: sono aperte le prenotazioni

La musicoterapia in gravidanza; tre concerti gratuiti, proposti dal Moige..

Come contrastare l’astenia primaverile e ritrovare l’energia
Come contrastare l’astenia primaverile e ritrovare l’energia

Puoi dare una mano al tuo organismo con gli integratori di vitamine e..

In vacanza riesci a staccare dal lavoro?
Test - In vacanza riesci a staccare dal lavoro?

Scopri con il nostro divertente test, se riesci a fare spazio dentro di..

Che stile di vita sei
Test - Che stile di vita sei

Lo stile di vita rappresenta l'espressione di noi stessi nel mondo che ci..